salute

  • Scioperi spontanei degli operai in fabbrica

    Quanto si è visto ieri è il mondo operaio che è tornato a parlare con una sola voce. L’incredulità e la rabbia di chi chiede di essere considerato come tutti gli altri lavoratori. Una rabbia, operaia, per la decisione del Governo di non interrompere la produzione nelle fabbriche che...
  • Anche i lavoratori a casa!

    Condivido le misure prese dal governo ma dovevano essere estese a tutti i comparti lavorativi che obbligano operai, tecnici, impiegati a stare a stretto contatto. Vince la linea di Confindustria. Per questo il sindacato dovrebbe proclamare uno sciopero generale invitando i lavoratori a rimanere a casa, senza presentarsi al...
  • Donne e scienza, la barriera da abbattere

    Alla vigilia della festa internazionale della donna – momento ricorrente di riflessione sulle conquiste politiche, sociali ed economiche del genere femminile – un nuovo rapporto delle Nazioni unite lancia un messaggio al mondo intero: siamo ancora lontani dalla parità di genere. Lo studio, con dati da 75 Paesi, per...
  • Dagli aperitivi alle fughe in treno: un Paese di irresponsabili

    Mai nella storia della Repubblica Italiana, da quando è stata proclamata il 2 giugno 1946 dopo vent’anni di fascismo e cinque anni di disastrosa guerra mondiale e occupazione nazista, sono state applicate misure così restrittive al diritto di muoversi e stabilirsi in qualunque parte d’Italia, per quasi sedici milioni...
  • Il coronavirus spinge la recessione: crollano borse e petrolio

    Un venerdì nero ha chiuso un’altra settimana di crisi e ha preparato la scena della recessione globale. Le borse ieri sono crollate per il coronavirus: Parigi (-4,2%), Londra (-3,74%), Francoforte (-3,7%) o Milano (-3,8%). Il vento della recessione ha zavorrato il prezzo del petrolio: il West Texas Intermediate, l’indice...
  • Coronavirus. Fate meno i gradassi, perché nessuno è immune

    Ormai sono passate quasi due settimane dal primo caso di Coronavirus in Italia e dalla letterale esplosione mediatica che ne è venuta fuori: un attorcigliamento di opinioni, di consigli e di misure da adottare che ha scatenato una vera e propria isteria individualistica ma di massa. Un paradosso che...
  • Le distanze politiche e sociali, croce e delizia del Coronavirus

    Secondo le nuove regole, che potrebbero essere introdotte nel Decreto del 2 marzo 2020 emanato dal governo della Repubblica sul Coronavirus Covid-19, per tutto il mese di marzo la popolazione italiana dovrà prendere le distanze da sé stessa, sperimentando nuovi comportamenti sociali per fare in modo che anche il...
  • Ebola, poliomielite e gli altri. I virus che non abbiamo sconfitto

    L’attenzione del mondo al coronavirus è iniziata davvero con la dichiarazione di emergenza internazionale dal parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Il coronavirus però non è l’unica emergenza dichiarata dall’Oms. Di malattie che rappresentano un’«emergenza di salute pubblica di interesse internazionale» ce ne sono altre due. Una è rappresentata...
  • Un gigante dell’acciao deciso a chiudere l’Ilva

    ArcelorMittal non è un’azienda qualunque. E’ la multinazionale leader in tutti i principali mercati globali dell’acciaio, come auto, costruzioni, elettrodomestici, confezionamento ed imballaggio. Vanta 197.108 collaboratori impiegati in 60 Paesi, ed ha un potenziale di capacità produttiva annua pari a circa 113 milioni di tonnellate di acciaio grezzo e...
  • Curarsi costa troppo, si allungano le liste d’attesa

    Per una cataratta si aspettano quindici mesi, per una mammografia tredici, per una risonanza magnetica dodici, per Tac e protesi d’anca dieci, nove mesi per un ecodoppler e sette per una protesi al ginocchio. E nel frattempo crescono le liste d’attesa: un percorso a ostacoli per oltre un cittadino...
  • Segnale dirompente per l’industria delle automobili

    Il tribunale amministrativo di Lipsia ha respinto il ricorso promosso dai Land del Baden-Wurttemberg e del Nord Reno Vestfalia: le città tedesche hanno facoltà di decidere autonomamente il bando dei veicoli diesel dalle proprie strade. La notizia sta giustamente facendo il giro del mondo: nella «patria» europea dell’auto (Volkswagen,...
  • Scarabeo

    Trump vuol eliminare dal linguaggio medico della Casa Bianca nei documenti ufficiali, nelle proposte di legge, nei decreti le parole seguenti: “transessuale”, “feto”, “diversità”, “vulnerabile”, “diritto”, “basato sulle evidenze”, “basato sulla scienza”. Un grande progresso morale, civico. Domande… Su cosa si dovrebbe basare la medicina? Non sulla scienza? Le...
  • Lancet: le morti per smog 15 volte quelle delle guerre

    «L’inquinamento è la più grande causa ambientale della malattia e della morte prematura nel mondo di oggi. Le malattie causate dall’inquinamento sono state responsabili di circa 9 milioni di morti premature nel 2015 – il 16% di tutti i decessi nel mondo – pari a tre volte il numero...
  • La salute per decreto senza informazione

    Dopo aver letto il decreto approvato venerdì dal governo che sancisce l’obbligatorietà per ben 12 vaccini, colpiscono molte cose a cominciare proprio dallo strumento del decreto. Colpiscono le sanzioni economiche, pesantissime, fino a prevedere la possibilità di sospendere la patria podestà ai genitori inadempienti, come se ci trovassimo nella...
  • Vaccinarsi dall’obbligatorietà di qualunque tipo

    Il problema è diventato tale per un surriscaldamento delle coscienze dei cittadini causato dal fuoco lento, ma inesorabile, della giustezza del dubbio trasformata in un incandescente e incontrollato fervore paranoico. Mi riferisco alla vicenda dei vaccini e all’obbligo introdotto dal governo italiano di mettere come porta di accesso agli...
  • Vaccini e reazioni

    Per principio sono contro l'”obbligatorietà” di un atto, contro le imposizioni. L’idea, quindi, di poter accedere alla scuola pubblica solo mediante la vaccinazione mi infastidisce, quanto meno. Ciò detto, è vero che su Internet e anche in televisione molta disinformazione è stata fatta sulla prevenzione che i vaccini consentono...
  • Quel modello di welfare sanitario che noi avversiamo

    Si corre il rischio concreto di non vedere più riconosciuto l’universalismo del diritto alla Salute. Per questo è fondamentale rispondere alle sue domande, per definire un orizzonte, e offrire una proposta di modello di welfare in sanità. Mi sia permesso però dire qualcosa in merito a quanto affermato dallo...
  • Renzi e il cavallo di Troia delle mutue contro il diritto alla salute

    La reazione della sanità fu del tutto contraria e il governo accantonò i suoi propositi. Quando Renzi subentrò a Letta ci fu un cambio di strategia: la sanità continuò ad essere de-finanziata e depotenziata ma quel progetto di contro-riforma fu spostato dentro al jobs act, al servizio di una...
  • Come votare No alle armi nucleari

    «Grazie, presidente Obama. L’Italia proseguirà con grande determinazione l’impegno per la sicurezza nucleare»: così scriveva il premier Renzi in uno storico messaggio twitter. Sei mesi dopo, alle Nazioni Unite, Renzi ha votato Sì alle armi nucleari. Accodandosi agli Usa, il governo italiano si è schierato contro la Risoluzione, approvata...
  • La salute va in soffitta con l’Art. 32

    La forma di governo è il modello organizzativo assunto dallo Stato per esercitare il potere sovrano. La novità del Titolo V riguarda la modifica della forma di governo. Essa, diceva Aristotele, per essere compresa deve essere ricondotta al suo fine. In sanità abbiamo avuto diverse forme di governo organizzate...
  • Fertility day. Le dimissioni necessarie di una ministra

    «La campagna per il Fertility Day era proprio brutta». Giudizio lapidario e definitivo, e indiscutibile, visto che a pronunciarlo è la ministra in persona, l’ineffabile Beatrice Lorenzin, che non trova niente di meglio che aggiungere: «Ma io faccio il ministro e non il comunicatore, dunque mi interessa il messaggio...
  • Il dramma dell’amianto nella tragedia del lavoro

    In Italia si muore di lavoro nonostante la crisi economica. Dalla Relazione annuale Inail del 2015, presentata questa mattina, emerge che il numero degli infortuni mortali (complessivamente 1246) va in pareggio al 2014 (con una variabile di circa il 2% in più o in meno in funzione dei casi ancora in istruttoria) e agli...
  • Scambio di prove, la rabbia dei medici per il concorso annullato

    ...
emergenza Covid