Non ti saluto, mascherina

Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...

Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano come “buon senso” il togliersele a tutti i costi, magari mantenendo ancora un po’ le distanze, magari facendo finta ora di essere liberi.

Illusi che la libertà sia il ritornare a mangiare al tavolo di un ristorante piuttosto che salvarsi dalla rata del mutuo per la casa o dal contratto di lavoro sempre più precario, sempre più parcellizzato, con il fiato di Bruxelles che soffia sul collo della povera gente.

Rivendico la testardaggine di tenere la mascherina quando e come vorrò. E di toglierla quando riterrò che davvero il buon senso abbia conquistato quei milioni di italiani che, in questi ultimi due anni, ho visto infischiarsene beatamente della salute altrui, con strafottenza, con piglio di superiorità, con l’alterigia di chi conosce solo le notizie false sulle calamite da provare addosso al braccio della nonna, mentre si irride invece la cautela degli scienziati e dei medici.

Rivendico una stupidità che non fa male a nessuno, se non forse solo a me stesso: ma ne sono consapevole, criticamente. Quindi è già una mezza dabbenaggine.

Vi lascio a complottismi varii, ipotesi e illazioni. Mi tengo ancora la mascherina. Al chiuso e all’aperto. E se vi do fastidio, scusate tanto, ma non me importa proprio niente.

(m.s.)

Foto di congerdesign da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...