Riconoscersi

Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...

Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile evoluzione sociale ed egualitaria.

Se siamo i primi noi a ritenerci utili soltanto se rappresentati in Parlamento, allora ogni tentativo di sviluppo di politiche di mutuo soccorso e di assistenza verso i più deboli e sfruttati, sarà soltanto una “prassi” e non un punto del nostro programma “minimo“, da svolgersi nel quotidiano.

Se irridiamo le compagne e i compagni che rivendicano un ruolo per la giustizia sociale oggi senza vincolarla alla cambiale del governismo, da pagare ogni volta che c’è un passaggio elettorale, commettiamo errori peggiori di quelli del passato.

Se non ritroviamo un piano culturale della politica e un piano politico della cultura stessa, una funzione essenziale nel reciproco nutrimento di valori che provengono dallo studio del passato e dall’analisi del contingente, come possiamo pensare di offrire una visione alternativa concreta ai milioni di sfruttati moderni che non sanno di esserlo?

Condizioni sociali prive di cultura e di politica sono alla stregua della voracità del peggiore populismo e delle peggiori destre.

Non si tratta di riesumare alcun idealismo. Semmai si tratta di essere pragmatici nel rifiutare il carnet di concetti che hanno sedotto una sinistra corrotta dal riformismo governista, dal falso ideale della concretezza dei dati reali.

I dati reali dei padroni producono soltanto politiche che proteggono a loro volta quei dati, quei valori di crescita dei profitti e dello sfruttamento.

Per questo serve una pausa. Serve riunirsi, ritrovarsi, “riconoscersi” sapendo che le differenze esistono ma che sono inferiori alle ragioni per cui si può e si deve ricostruire un movimento comunista reale che ancora vuole abolire lo stato di cose presente.

(m.s.)

Foto di Hin und wieder gibts mal was. da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...