comunicazione

  • La vita “smart” di oggi, sublimazione della massima alienazione

    La pandemia ha sollevato molti interrogativi sui disastri dell’economia privata, dell’iniziativa imprenditoriale e ha reso nuovamente manifeste, oltre un orpello quasi ideologico ispirato dal “pensiero unico“, tutte quelle possibilità di riscatto sociale che parevano destinate a non avere più un ruolo attivo nelle dinamiche della vita quotidiana. Si va...
  • Una trappola per topi

    Il linguaggio, come principale forma di comunicazione, associato a tutte le altre forme di intuizione del limitrofo nostro garantite dai sensi della vista, dell’udito e dell’olfatto (oltre che del tatto), dovrebbe aiutarci nelle spiegazioni ed essere un complemento necessario per migliorare l’esistenza di ciascuno e di tutti. Per l’importanza...
  • La sapiente costruzione delle incrostazioni mentali umane

    La nascita di una psicosi collettiva non è mai frutto dell’opera di un singolo individuo. Le potenzialità espansive di una falsa notizia che dilaga e diventa, questa sì, un virus che si espande senza nessuna possibilità di messa in quarantena e di protezione per chi anche ne rimarrebbe immune,...
  • “On n’échappe pas de la machine”

    Ho aperto la “mia” (le virgolette sono necessarie; lo capirete continuando a leggere, se ne avrete la pazienza) pagina Facebook nel 2008: sono dunque undici anni che divido la mia vera vita con quella virtuale del social forse più famoso, insieme a Twitter, ma che – mi raccontano i...
  • Gli “Shoah party”, figli di un mondo pieno solo di egoismi

    Complesso, complessato e complessivamente rappresentante di entrambi i concetti: così è il rapporto tra società e comunicazione tecnologicamente avanzata oggi e così è – se vi pare… – il rapporto tra individui e reti sociali, siti web, mondo digitale in generale detto e definito. La vicenda della chat “Shoah...
  • Sovranismo televisivo

    Dopo “Nemo” su Rai 2 arriva “Popolo sovrano”. A Radio Capital Carlo Freccero afferma che negli anni ’70 non si sarebbe mai sognato di dirsi “sovranista”, ma oggi questo termine sarebbe democratico, sostenitore del diritto del popolo a governare. Lo avrebbe ispirato Mélenchon con il trittico rivoluzionario: “Libertà, uguaglianza, fratellanza“....
  • Alla ricerca della cultura in fiore

    Mi sorprendo sempre di quanta cattiveria abbiate dentro voi. Ne date esempio ogni giorno: molto di più dietro la vigliacca protezione di una tastiera che vi rende protagonisti sui “social”. La nuova frontiera della civilizzazione. Il nuovo orizzonte della comunicazione e dell’interazione sempre meno umana tra gli umani. Volgarità al...
  • La comunicazione politica a pane e Nutella

    “Repubblica borghese, un dì ne avrai vergogna…“, cantavano gli anarchici novecenteschi, di inizio e mezzo secolo. Sebbene, infatti, la repubblica sia la forma di Stato che più si avvicina ad una trasformazione in senso socialista della società, poiché nasce, cresce e vive nel contesto dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo, risente...
  • Due anni dopo il referendum, la democrazia continua a morire

    La decostruzione della democrazia sta procedendo per diverse vie e su diversi piani: istituzionale, popolare, economico, morale. Questa volta non c’è bisogno di un atto referendario, di una consultazione per trasformare la Repubblica da parlamentare ad oligarchica. Il disegno appare simile ma anche differente perché punta ad una sorta...
  • Elogio di Salvini

    Subito pensavo che fosse un quiz. Poi ho capito che era il ministro dell’Interno della Repubblica Italiana ad aprire la busta. Un po’ di suspense ma troppo comizio, troppi commenti… Per un attimo ho pensato che entrassero quelli di “Scherzi a parte”. Ma è una trasmissione ormai andata in...
  • L’età adulta di Google nell’era dei populismi

    Il Burning Man è un appuntamento al quale per anni Sergej Brin e Larry Page hanno sempre partecipato da quando, studenti talentuosi della Stanford University, partecipavano a un progetto di ricerca su come accedere velocemente a tutte le informazioni di Internet. Come molti coetanei che frequentavano gli stessi corsi...
  • Termometro del grave: rimpiangere la lottizzazione della Rai

    “Televisione di Stato” è una locuzione inquietante: si percepisce il peso del potere sopra la tv, come se un macigno schiacciasse quei vecchi apparecchi ancora dotati di tubo catodico a cui, ogni tanto, dovevi dare qualche botta per farli tornare in asse, in modo che dal nevischio si passasse...
  • Nazionalsocial network

    Circa dieci anni fa, più per curiosità che per voglia di uniformarmi all’onda montante delle reti sociali, mi iscrivevo anche io al mondo della comunicazione tra “bacheche”, “pagine”, fatta di “post” e di “like”. Dopo l’arrivo di internet a fine anni ’90 e l’introduzione dei telefonini che sempre più...
  • Se Marx avesse potuto usare i “social network”

    Proprio ieri, dalle colonne de “La Stampa”, un interessante articolo di Gianni Riotta definiva Marx una “icona pop”, moderno nell’ieri e nell’oggi: a differenza del più cupo e serioso Gramsci, il Moro oggi viene interpretato come colui che, proprio nel linguaggio e nella scrittura conseguente, si sarebbe meglio adattato...
  • I poliziotti di Zuckerberg e il menefreghismo consapevole nostro

    Dovrebbe rassicurarmi la frase del miliardario americano Mark Zuckerberg: “Da ora in poi saremo i poliziotti del sistema”? Un po’ è metafora e, proprio per questo, un po’ è verità. Magari non assoluta, ma sicuramente, dopo la falla sul controllo dei dati da parte di aziende esterne al colosso...
  • I social network nell’epoca post-democratica

    Mark Zuckerberg unisce da sempre ambizione e un’attenzione quasi nevrotica alle reazioni degli utenti del suo giocattolo preferito quando introduce novità negli algoritmi che presiedono l’incremento dei suoi Big Data. Per questo, ha intrapreso campagne per combattere le fake news, il razzismo e la xenofobia: cioè quei fattori che...
  • Vivere nell’incomprensibile

    Grazie ad una compagna che mi ha segnalato la presenza di un comunista in tv, alcune sere fa ho abbruttito me stesso (e ce ne vuole…) guardando la trasmissione di Massimo Giletti “Non è l’arena”. Mi sono reso conto che vivo nel mondo dell’incomprensibile e che io stesso mi...
  • Il Partito del Congiuntivo Sbagliato

    La lingua italiana è la prima vittima della campagna elettorale. Mi trovo perfettamente d’accordo con questa affermazione del presidente dell’Accademia della Crusca. Dovrebbe essere imbarazzante per molti l’assistere allo stillicidio di congiuntivi sbagliati, di frasi costruite senza un senso compiuto, di termini anglofoni usati a pieni polmoni per catturare...
  • Il “gentismo”, brodo di coltura del nuovo fascismo

    Da quando, a partire dagli anni Dieci del nuovo secolo, le reti sociali si sono diffuse al punto da divenire un medium di massa vero e proprio, i movimenti di estrema destra hanno tentato di occuparne la scena con la medesima pervasività con cui negli anni addietro, ad esempio,...
  • Tutta la libertà dei “social network”: quella di negarci la vita vera

    Le abbiamo viste tutte e tutti le immagini della testata più famosa della tv dopo quella di Zidane ai mondiali di calcio di alcuni anni fa… Immagini che hanno fatto indignare, richiamare alla legalità, alla Legge, all’ordine, alla sovranità dello Stato in un territorio – si dice – dove...
  • Dentro ad una società trasformata dal Demiurgo Pregiudizio

    Proprio ieri ho riletto alcune pagine di un Carmelo Bene “anarchico”, che si proclamava tale e che poi, un po’ per provocazione e un po’ per sincerità, nel dirsi amante dell’eccesso, quindi di ciò che non poteva “andare in scena” e che, per definizione, era “osceno” (letteralmente), a chi...
  • Lingua morta (se va avanti così…)

    Tutti a gridare all'”invasione” per quanto concerne i migranti. Ma forse la vera invasione è linguistica: le parole inglesi che stanno soppiantando quelle italiane sono moltissime. Una amica l’altro giorno mi ha mandato una e-mail (posta elettronica, in italiano) chiedendomi quale era la deadline del lavoro che le chiedevo...
  • Verso un grande, devastante conflitto mondiale. Ma è davvero così?

    Ricordo di avere letto nell'”Intervista sul potere” a Luciano Canfora (ed. Laterza, a cura di Antonio Carioti) un passaggio in cui il grande filologo classico, citando lo storico francese Fernand Braudel, afferma che in determinati attimi e momenti della storia tutto porterebbe a pensare che si sta andando verso...
  • Parole semplici

    Parole semplici. Sono quelle che la sinistra deve recuperare per ritornare a connettersi con le persone semplici, quei milioni di proletari smarriti che non percepiscono il bisogno della sinistra stessa. Parole semplici come quelle di Francesco che ieri ha riunito con la sua presenza milioni di persone Milano, Monza...
  • La polemica e il rispetto. Elogio di Gianni Cuperlo

    Per una volta, magari anche per altre volte, ho invidiato qualche mio simile per caratteristiche che non avevo io: per carattere, per comportamento, per attitudine. Questa volta mi è capitato di invidiare Gianni Cuperlo. Ieri sera, durante la trasmissione “Pizzapulita” di Corrado Formigli, ha dimostrato cosa può tornare ad...
  • La morte del sociale attraverso i “social-network”

    Ciò che è “sociale”, per sua stessa enunciazione, non è individuale, quindi è collettivo. Ma i tempi in cui viviamo, ormai da alcuni tempi a questa parte stessa, sono tempi in cui la “socialità” è intesa non tanto a livello materiale, economico, su un piano di rivendicazione di un...
  • La comunicazione totale del Gallo Governo

    Distorta, retorica, complicata, amplificata, corretta, lineare, comprensibile, equidistante. Comunque sia stata fatta, la comunicazione sulle ragioni del referendum dovrebbe essere arrivata a tutte e tutti voi. In qualche modo. Appunto. L’onnipresente figura del capo del governo italiano e segretario nazionale del Partito democratico ha giganteggiato ovunque: reti televisive, Internet,...
  • Quella pietà indotta per i terremoti e negata ai migranti

    La terra che trema sembra ogni volta una novità. Per fortuna questa volta non ha causato vittime ma si è accanita “soltanto” contro il patrimonio abitativo e culturale delle Marche e dell’Umbria. Ancora contro due regioni che sono state oggetto nella fine dello scorso agosto di un violento terremoto...
  • Il Sì a reti unificate, uno spot gratis da 2 milioni di euro

    Venti passaggi al giorno per sette giorni (per ora) fanno circa due milioni di euro, se parlassimo di spot pubblicitari. E in verità ne stiamo parlando, perché la comunicazione cosiddetta istituzionale del governo sul referendum è un’inserzione commerciale pura e semplice. E ha inondato le reti della Rai sotto...
  • Le reti sociali: la nuova frontiera del consenso e del conformismo

    “Tutta la vita delle società nelle quali predominano le condizioni moderne di produzione si presenta come un’immensa accumulazione di spettacoli. Tutto ciò che era direttamente vissuto si è allontanato in una rappresentazione”. (Guy Debord) Nel corso degli ultimi cinque anni, lo sviluppo delle reti sociali, le quali, nate dapprima...
  • Emoji

    E’ nato un dizionario per le “faccine”, le cosiddette e così conosciute “emoticon”. Un nuovo linguaggio internazionale che cresce ogni giorno con nuove palline gialle con gli occhietti e i sorrisini e altri piccoli loghi che traducono in immagini parole e concetti. Le “emoji” o “emoticon” che voler si...
  • Non siamo più capaci di ascoltare. E per questo di capire

    Dopo aver letto anche un secondo testo di Joachim Fest sulle retrospettive del regime nazista, ci si rende conto di quanto poco si conosca di quel periodo dalla superficiale lettura che se ne dà a scuola e anche nei documentari storici che girano in tv. La resistenza esisteva in...
  • Un giornale per la sinistra comunista

    Le parole sono un veicolo rivoluzionario. Sono, spesso, anche un veicolo di conservatorismo quando vengono utilizzate lontano dal loro significato originale, primigenio e intrinseco. Sono, quindi, un trasporto di ipocrisia e di revisionismo quotidiano se ad utilizzarle è un manipolatore delle coscienze. Le parole fanno danni e salvano situazioni....
  • C’è una sinistra che si rinnova!

    Buongiorno a tutte e tutti! Eccola qui la nuova “Sinistra quotidiana” che si presenta e che parte oggi con una nuova veste grafica e anche contenutistica. Niente paura, nelle smanie di rinnovamento che di questi tempi sono le bramosie di molti, non ci siamo fatti prendere da cambiamenti di...
essere animali