Mea et vestra culpa

Adesso, via, forza… accusate nuovamente anche il papa di essere “putiniano“, caso mai non l’aveste già fatto. O, piuttosto, di essere un “pacifinto“, uno che vuole la pace “perché...

Adesso, via, forza… accusate nuovamente anche il papa di essere “putiniano“, caso mai non l’aveste già fatto. O, piuttosto, di essere un “pacifinto“, uno che vuole la pace “perché deve volerla” in quanto uomo di fede, dalla parte di quel dio in cui tanti credono, tanti altri no.

Accusatelo se non l’avete ancora fatto, perché ha osato dire in una intervista al “Corriere della Sera” che forse – testuale – «…l’abbaiare della NATO ai confini della Russia…» beh… qualche responsabilità l’avrà nell’aver spinto l’autocrate che governa la Russia col pugno di ferro a muoversi contro l’Ucraina.

Ad avere anche solo un pretesto per fare la guerra? E vi pare poco? Quelli che sostengono che le colpe stiano solo da una parte, pensando così di fare un servizio alla verità e alla necessità di sostenere i valori democratici dell’Occidente, altro non fanno invece se non allontanare le cause della guerra da sé stessa, impedendo a milioni di persone di capire veramente ciò che sta all’origine di questo conflitto.

Il papa ci ha ricordato, in sostanza, che chi è senza peccato scagli la prima bomba. Ma qui, pare, sono tutti pronti a scagliarla: per primi Stati Uniti d’America e Russia, ma anche il governo ucraino e alcuni sostenitori ferventi in seno e fuori dalla UE non sono da meno…

La voglia di spegnere la guerra con altra guerra pare essere il punto antietico su cui far girare la propaganda bellica: come fermare Putin, domandano a noi pacifisti i sostenitori dell’invio di armi senza se e senza ma? Ma con la forza! Ovvio. E se la forza prevede altra guerra, pazienza…

La rassegnazione allo scontro sembra l’unico alibi per giustificare gli orrori che la guerra produce. E’ inevitabile, ci dicono quelli che a parole si dicono per la pace e il dialogo e poi plaudono al riarmo anche in Italia, all’aumento delle spese militari oltre ogni immaginazione…

Adesso, noi pacifisti o finti che si sia, noi neneisti e putiniani che non siamo, possiamo dire di pensarla come Francesco. Almeno in questi frangenti. Perché c’è un pensiero religioso che osteggia le guerre, nonostante le abbia benedette per millenni. E c’è un pensiero, c’è una pratica sociale e politica laica che fa lo stesso.

Pazienza se incappiamo tutti e due nell’eresia verso l’ortodossia bellicista della buona, sacra morale del “buonsenso” pragmatico di chi ha capito come si ferma Putin. Va messo in conto…

Intanto aspettiamo che tutte le armi inviate dai governi agli ucraini fermino la guerra. Aspettiamo, ma qui passano solo cadaveri…

(m.s.)

3 maggio 2022

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...