Anche i lavoratori a casa!

Condivido le misure prese dal governo ma dovevano essere estese a tutti i comparti lavorativi che obbligano operai, tecnici, impiegati a stare a stretto contatto. Vince la linea di...

Condivido le misure prese dal governo ma dovevano essere estese a tutti i comparti lavorativi che obbligano operai, tecnici, impiegati a stare a stretto contatto. Vince la linea di Confindustria. Per questo il sindacato dovrebbe proclamare uno sciopero generale invitando i lavoratori a rimanere a casa, senza presentarsi al lavoro.

Tutti gli operai, dai metalmeccanici ai lavoratori dei trasporti pubblici. Dai tecnici di tutti i settori agli impiegati pubblici e privati di ogni ente. Se per due settimane si ferma il Paese crolleranno solo i grandi profitti dei padroni.

Il governo sceglie di tutelarli e mandare a rischiare i lavoratori. Ripeto: condivido tutte le misure dell’esecutivo, tranne questa mancanza di tutela della salute dei lavoratori.

È una scelta di classe che si impone su una scelta civica egualitaria per tutti.

(m.s.)

foto

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...