Anche i lavoratori a casa!

Condivido le misure prese dal governo ma dovevano essere estese a tutti i comparti lavorativi che obbligano operai, tecnici, impiegati a stare a stretto contatto. Vince la linea di...

Condivido le misure prese dal governo ma dovevano essere estese a tutti i comparti lavorativi che obbligano operai, tecnici, impiegati a stare a stretto contatto. Vince la linea di Confindustria. Per questo il sindacato dovrebbe proclamare uno sciopero generale invitando i lavoratori a rimanere a casa, senza presentarsi al lavoro.

Tutti gli operai, dai metalmeccanici ai lavoratori dei trasporti pubblici. Dai tecnici di tutti i settori agli impiegati pubblici e privati di ogni ente. Se per due settimane si ferma il Paese crolleranno solo i grandi profitti dei padroni.

Il governo sceglie di tutelarli e mandare a rischiare i lavoratori. Ripeto: condivido tutte le misure dell’esecutivo, tranne questa mancanza di tutela della salute dei lavoratori.

È una scelta di classe che si impone su una scelta civica egualitaria per tutti.

(m.s.)

foto

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Primati e primato

    Non domandatevi quando ne usciremo. Domandatevi cosa stiamo facendo per uscirne. Ciascuno e tutti. Finché il primato del profitto si imporrà su quello del benessere comune, non ne usciremo...
  • Mancavano giusto loro

    La “Flat tax” di Santori è prima di tutto una sciocchezza e non può chiamarsi “patrimoniale“. Poi è anche antisociale: se fai parti uguali tra diseguali, insegnava Don Milani,...
  • Helin

    288 giorni di sciopero della fame per urlare alla Turchia e al mondo intero che il regime di Erdogan non aveva il diritto di impedire a lei e ai...
  • Per un nuovo comunismo

    Credo di averlo già scritto, ma lo riscrivo. Perché cambiano i tempi, rapidamente e in questa situazione di crisi globale, è bene forse anche ripetersi se si affrontano temi...