Pax vobis

Le bombe chimiche, le bombe a grappolo, le bombe in generale. I fucili, le pistole, i cannoni, i droni, le “armi intelligenti”. Le torture, gli sgozzamenti, i sottomarini, i...

Le bombe chimiche, le bombe a grappolo, le bombe in generale.
I fucili, le pistole, i cannoni, i droni, le “armi intelligenti”.
Le torture, gli sgozzamenti, i sottomarini, i marines, le basi, gli elicotteri Apache, le portaerei.
I servizi segreti, l'”Intelligence”, l'”esportazione della democrazia”, le guerre di religione.
I crateri nelle città, le bombe inesplose, le mine, le gambe saltate, gli arti mutilati.
L’odio, le alleanze internazionali, i trattati economici, Palmira distrutta, le mura di Ninive fatte saltare.
Uomini e donne, bambini ed anziani a terra come le pietre, insieme alle pietre, sotto le pietre.
Il profitto, dio, i gasdotti, il petrolio.
Il terrorismo, gli attentati, le stragi, i kamikaze.
Il razzismo, la xenofobia, la paura costante, la diffidenza.
In tutto questo non c’è alcun motivo per vivere. E, infatti, si tratta solo di negazione della vita, dell’esistenza di ogni essere che prova a farsi largo in questa incomprensibile e meravigliosa stranezza che è l’esistenza umana.
L’essere umano dovrebbe essere l’antitesi di tutto ciò, invece, nella terribile precisione con cui l’autodistruzione di genera e si diffonde, rischia di identificarsi l’essenza umana, la più naturale e genuina spontaneità: vivere di odio.
Lasciatemi dire che sono fiero di non aver mai tenuto in mano una pistola, sparato una pallottola verso niente e nessuno.
Lasciatemi dire che sono fiero di non aver mai tenuto tra le braccia un fucile, obbedito ad un ordine, essere uscito dalla mia condizione di “civile”.
Lasciatemi dire che, forse, un po’ più umano di tutti quelli che sterminano civili inermi, lo sono.
Aumentiamoci di numero!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...
  • Il sorriso di Alex

    Alex Zanardi ha messo tutto sé stesso negli sport che ha praticato. Sport veloci, dove l’adrenalina si fa sentire, dove la libertà si esprime proprio nell’accelerazione, nel distacco dalla...