L’abbandono alla o della rassegnazione

Attacchi e attacchi: da Parigi a Londra e viceversa. Giorno dopo giorno. L’odio nasce dalla paura e la paura nasce dalla mancata conoscenza di complessi fenomeni umani che si...

Attacchi e attacchi: da Parigi a Londra e viceversa. Giorno dopo giorno. L’odio nasce dalla paura e la paura nasce dalla mancata conoscenza di complessi fenomeni umani che si intrecciano ogni giorno intrisi di interessi economici, politici e con finalità anche religiose come specchietto per le allodole di altri continenti che vogliono mettere le mani su grandi giacimenti di petrolio, culle dell’arte e grandi gasdotti.
La morte arriva soltanto per gli spettatori di un grande e terribile mondo (come lo avrebbe descritto Gramsci) dove i registi sono sempre gli stessi. Architetti del pregiudizio e del razzismo, del sospetto, dell’essere guardinghi e dell’individuazione del pericolo nel simile a noi: in chi è in stato di sopravvivenza come noi.
Per questo occorre cambiare punto di vista: sociale, politico, economico. Le democrazie d’un tempo stanno crollando sotto il peso di una genericità che è fascistizzazione delle opinioni, indistinguibilità delle idee e quindi anche dei fatti e sui fatti da comprendere.
Si preferiscono i colori intermedi e non le tinte chiaramente identificabili come tali. E’ la solita tiritera della “morte delle ideologie” e del trionfo del mercato, del capitalismo, della sua forma moderna di imperialismo.
Il gioco è semplice da capire. Ma la volontà per accingersi alla comprensione la si recupera soltanto se si abbandona la rassegnazione.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • 993 morti non bastano

    Quasi mille. Anzi più di mille, visto che i conteggi giornalieri sono approssimati per difetto, con il cumularsi delle degenze di lungo termine. Questa volta chi sui social ripete...
  • Nel pallone

    L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco...
  • Non è un’opinione

    Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che...
  • Storia a storia

    Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende...