L’abbandono alla o della rassegnazione

Attacchi e attacchi: da Parigi a Londra e viceversa. Giorno dopo giorno. L’odio nasce dalla paura e la paura nasce dalla mancata conoscenza di complessi fenomeni umani che si...

Attacchi e attacchi: da Parigi a Londra e viceversa. Giorno dopo giorno. L’odio nasce dalla paura e la paura nasce dalla mancata conoscenza di complessi fenomeni umani che si intrecciano ogni giorno intrisi di interessi economici, politici e con finalità anche religiose come specchietto per le allodole di altri continenti che vogliono mettere le mani su grandi giacimenti di petrolio, culle dell’arte e grandi gasdotti.
La morte arriva soltanto per gli spettatori di un grande e terribile mondo (come lo avrebbe descritto Gramsci) dove i registi sono sempre gli stessi. Architetti del pregiudizio e del razzismo, del sospetto, dell’essere guardinghi e dell’individuazione del pericolo nel simile a noi: in chi è in stato di sopravvivenza come noi.
Per questo occorre cambiare punto di vista: sociale, politico, economico. Le democrazie d’un tempo stanno crollando sotto il peso di una genericità che è fascistizzazione delle opinioni, indistinguibilità delle idee e quindi anche dei fatti e sui fatti da comprendere.
Si preferiscono i colori intermedi e non le tinte chiaramente identificabili come tali. E’ la solita tiritera della “morte delle ideologie” e del trionfo del mercato, del capitalismo, della sua forma moderna di imperialismo.
Il gioco è semplice da capire. Ma la volontà per accingersi alla comprensione la si recupera soltanto se si abbandona la rassegnazione.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...