Resistere ancora

“Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...
Francesco Saverio Borrelli ai tempi di "Mani pulite"

Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una speranza.

Della corruzione non se ne è mai “potuto più“. Eppure essa appartiene imprescindibilmente al carattere dell’essere umano che vive in un regime mercantilista, merceologico e dove il potere è essenzialmente sempre potere economico declinato in varie forme.

Forse sotto quel “Resistere, resistere, resistere” c’era non solo la volontà dichiarata di non cedere alle pressioni del potere politico di allora, ma di andare oltre.

Quasi fosse stato un messaggio che, pur partendo dai presupposti di difesa di una inchiesta che sfasciò il sistema del pentapartito (e non solo…) negli anni ’90, che diede il via alla cosiddetta “rivoluzione di Mani Pulite” e scoprì nella “Milano da bere” una vera e propria “Tangentopoli“, cercasse per il popolo e nel popolo un sostegno per proseguire oltre le aule di tribunale, diventando nuovamente “questione morale“, quindi civile e civica allo stesso tempo.

Così salutiamo il procuratore Borrelli. Pensando al suo “resistere“, ripetuto ben tre volte, e allargandone il senso ad una Italia che ha bisogno, effettivamente, di resistenza: con la erre minuscola e con quella maiuscola.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...