117

Nemmeno davanti a 117 dispersi, forse morti annegati in mare, il crudelismo tace, ma afferma che la causa sono i porti aperti, non certo la mancanza di navi nel...

Nemmeno davanti a 117 dispersi, forse morti annegati in mare, il crudelismo tace, ma afferma che la causa sono i porti aperti, non certo la mancanza di navi nel Mediterraneo per soccorrere questi disperati a cui si sgonfiano i gommoni e che crepano dopo ore di ipotermia tra il gelo delle onde.

Nemmeno davanti a 117 dispersi il crudelismo tace, perché non conosce l’umanità ma solo il calcolo politico che rende la politica peggiore di quella della cosiddetta “casta” che derubava il pubblico ma che, alla fine, un tratto umano lo conservava. Non costava niente, era opportunismo pure quello ma almeno era liberale.

Oggi, mentre 117 migranti sono del tutto probabilmente morti, mentre la nostra aviazione militare è riuscita a salvarne solo 3, gli italiani plaudono ai porti chiusi, baciano le mani e plaudono alla mediocrità, alla crudeltà.

Poveri contro poveri. Già… dimenticavo… quota 100 e il reddito di cittadinanza salveranno la Repubblica dalla sua miseria morale, civile e inculturale. Tutto apparirà meraviglioso se paragonato alla mediocrità di Stato.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...