Un selfie mortale

Farsi un “selfie” mentre arriva un treno in corsa, con alle spalle proprio il treno. Morire a tredici anni così. Sembra ed è incredibile. Eppure accade. Come accadono le...

Farsi un “selfie” mentre arriva un treno in corsa, con alle spalle proprio il treno. Morire a tredici anni così. Sembra ed è incredibile. Eppure accade.
Come accadono le storie di altri giovani che perdono la vita per divertirsi saltando tra un binario e l’altro, alcune settimane fa nelle cronache locali lombarde.
La sfida sembra alla base di questi comportamenti. Forse la noia.
Comunque sia, sono giovani vite stroncate da un società che non offre ai giovani immagini reali ma illusioni, false speranze e molta, molta noia. E la noia è un vuoto pneumatico che deve essere riempito.
Ma non al prezzo della vita stessa…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...