Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

“Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...

Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto del quadro europeo che non potrà che favorirlo”.
GUGLIELMO EPIFANI
ex Segretario nazionale della CGIL e deputato di Liberi e Uguali
dall’intervista rilasciata a “Il Foglio”, 9 luglio 2020

Non ho altre domande, vostro onore…
Nella “migliore” delle ipotesi, tutto ciò ricorda molto Giovanni Giolitti e i liberali che volevano controllare il fascismo ammaestrandolo liberalmente oppure anche Franz von Papen che riteneva di poter contenere la belva nazista con governi di comune coalizione piuttosto che con abboccamenti a sinistra…
S’è visto come è andata, nell’uno e nell’altro caso.

Nella peggiore delle ipotesi, ricordi e paragoni storici più o meno propri a parte, da Prodi ad Epifani, passando per Di Maio che incontra Gianni Letta, siamo già a tre indizi. La prova che si stia cercando di formare una alleanza di governo che vada da Forza Italia a LeU diventa sempre più marcata…

Si attendono smentite dai fatti nei prossimi giorni.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...