Se son cristiani questi…

Dunque la Chiesa cattolica si sente in diritto di intervenire sulla legislazione italiana. Precisamente sulla possibilità che vengano emanate nuove norme sui reati concernenti comportamenti omofobi. Violenze, insulti, discriminazioni...

Dunque la Chiesa cattolica si sente in diritto di intervenire sulla legislazione italiana.

Precisamente sulla possibilità che vengano emanate nuove norme sui reati concernenti comportamenti omofobi.

Violenze, insulti, discriminazioni e prevaricazioni nei confronti di noi omosessuali, di transgender, bisex, queer e intersexual, sarebbero “opinioni” liberamente esprimibili? Perché tutto ciò non nasce da una pura istintività ma dalla coltivazione del pregiudizio tramite parole ossessivamente ripetute dai teorici della purezza comportamentale umana nei quotidiani rapporti sentimentali, amorosi e sessuali.

Qualunque tipo di argomentazione omofoba non può essere considerata alla stregua di una qualunque opinione, ma incitamento alla discriminazione e all’odio, dunque un primo passo verso tutti i lividi interiori ed esteriori delle persone LGBTQI.

La posizione dei vescovi è anticristiana, antievangelica. È una vera e propria vergogna.

(m.s.)

foto: elaborazione grafica di Marco Sferini

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...