Piazza del contropopolo

Non mi sono mai sentito così contrapposto ad altri cittadini in una lotta politica fatta sul merito delle regole del gioco. O di là o di qua. O con...

Non mi sono mai sentito così contrapposto ad altri cittadini in una lotta politica fatta sul merito delle regole del gioco.
O di là o di qua. O con la Costituzione e la repubblica parlamentare o con una nuova repubblica governativa e liberista fin dentro la sua carta fondamentale.
Non è vero che la controriforma di Renzi e Boschi è solo tecnica. E’ un atto politico e sociale fortissimo, di controtendenza rispetto ai valori messi nero su bianco dal 1946 al 1948.
E la “piazza del popolo” di oggi, a Roma, non è la piazza del mio popolo. Quello che scenderà in piazza oggi mi è straniero. Qui si nel senso più negativo del termine: estraneo da me in tutto e per tutto.
Non gli posso riconoscere più alcuna buona fede. Gli riconosco solo l’incapacità di comprendere un aggiramento dei diritti sociali, civili, politici costruiti dopo sanguinose lotte o la convinzione perversa di ritenere che, amputando il Parlamento e dando più poteri all’esecutivo, si abbia una Italia più “moderna”, meno litigiosa e più docile rispetto al volere dei mercati.
Non chiamatela “piazza del popolo”, ma “piazza del contro-popolo”. Il popolo è solo quello che preserva i diritti di tutti, che protegge la Costituzione e che, quindi, voterà NO il 4 dicembre.
Tutto il resto è estraneità.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...