Niente danni fisici

Negare l’Olocausto non produce danni fisici, reali o attacchi ad individui. Negare ciò che è stato lo sterminio pianificato dal governo nazista e da tutto un apparato servizievole e...
Berlino, memoriale alle vittime dello sterminio nazista

Negare l’Olocausto non produce danni fisici, reali o attacchi ad individui. Negare ciò che è stato lo sterminio pianificato dal governo nazista e da tutto un apparato servizievole e consenziente non è motivo di espulsione dalla comunità delle reti sociali.
I “social” accettano il negazionismo in nome della libertà di espressione che consiste nel non arrecare quanto di cui sopra detto ad altre persone.
Però… i danni fisici non sono solo quelli materiali ma anche quelli morali: un cervello che prova ad istillare in un altro cervello il revisionismo storico, la negazione delle camere a gas, della “soluzione finale” tanto del “problema ebraico” quanto delle tante categorie odiate dai nazisti, un tipo di cervello così è di per sé un danno. Non fisico, propriamente detto. Ma è un danno. E produce danni negli altri cervelli.
Ma non c’è rapporto tra etica storica, verità storica, fatti storici e “fisicità” di quanto ci si propone di fare quando si scrive sui social.
Cari signori amministratori dei “social network”, le parole sono pietre e le pietre, se tirate, fanno male… eccome se fanno male…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • 993 morti non bastano

    Quasi mille. Anzi più di mille, visto che i conteggi giornalieri sono approssimati per difetto, con il cumularsi delle degenze di lungo termine. Questa volta chi sui social ripete...
  • Nel pallone

    L’idolatria mi è completamente aliena. Non la sopporto, mi regala inopportunamente una istantanea dell’umanità facile preda dell’isterismo collettivo, della partecipazione ossessivo-compulsiva ad un lutto che per molti è stanco...
  • Non è un’opinione

    Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che...
  • Storia a storia

    Un libro su Mussolini lo vendi diffusamente se scrivi sul crinale della Storia, se interpreti i fatti e li pieghi al sentire moderno del sovranismo neonazionalista e neofascista. Dipende...