Niente danni fisici

Negare l’Olocausto non produce danni fisici, reali o attacchi ad individui. Negare ciò che è stato lo sterminio pianificato dal governo nazista e da tutto un apparato servizievole e...
Berlino, memoriale alle vittime dello sterminio nazista

Negare l’Olocausto non produce danni fisici, reali o attacchi ad individui. Negare ciò che è stato lo sterminio pianificato dal governo nazista e da tutto un apparato servizievole e consenziente non è motivo di espulsione dalla comunità delle reti sociali.
I “social” accettano il negazionismo in nome della libertà di espressione che consiste nel non arrecare quanto di cui sopra detto ad altre persone.
Però… i danni fisici non sono solo quelli materiali ma anche quelli morali: un cervello che prova ad istillare in un altro cervello il revisionismo storico, la negazione delle camere a gas, della “soluzione finale” tanto del “problema ebraico” quanto delle tante categorie odiate dai nazisti, un tipo di cervello così è di per sé un danno. Non fisico, propriamente detto. Ma è un danno. E produce danni negli altri cervelli.
Ma non c’è rapporto tra etica storica, verità storica, fatti storici e “fisicità” di quanto ci si propone di fare quando si scrive sui social.
Cari signori amministratori dei “social network”, le parole sono pietre e le pietre, se tirate, fanno male… eccome se fanno male…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • …ed ora, ciao Franca…

    Appena poco più di una settimana fa, il 31 luglio, aveva festeggiato un secolo di vita. Una vita straordinaria: difficile al principio, piena di cambi di scena, come in...
  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...