La paura fa la legge (elettorale)

Il Partito democratico ora si è, letteralmente, votato al nuovo proporzionale, quello con lo sbarramento al 5%; quello che impedirebbe a Salvini di avere una maggioranza certamente qualificata a...

Il Partito democratico ora si è, letteralmente, votato al nuovo proporzionale, quello con lo sbarramento al 5%; quello che impedirebbe a Salvini di avere una maggioranza certamente qualificata a dominare tanto le due Aule legislative quanto altre istituzioni della Repubblica; quello per cui storcono il naso LeU e Renzi: gli uni sicuri di non raggiungere la soglia e l’altro sicuro di poterla forse raggiungere e di diventare ago della bilancia al posto di LeU quanto meno al Senato.

Il Partito democratico torna alla proporzionale. Sarebbe stato un titolo che “Liberazione” ed anche “il manifesto” avrebbero potuto fare: l’una se come quotidiano fosse ancora in vita grazie al mantenimento del finanziamento pubblico per i giornali anche di partito e grazie magari a più numerosi lettori comunisti; l’altro se non fosse così ondeggiante nel mare del centrosinistra, tanto da sbattere ora contro LeU e ora contro le sardine.

Il Partito democratico, dunque, riabbraccia la proporizionale. O “il proporzionale“. Ecco qual’è il problema: ma la proporzionale è genitore 1 o genitore 2 della futura democrazia anti-salviniana?

(m.s.)

foto di Alessandro Capotondi da Flickr

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...