Non il perdono ma il rimorso

Ho sempre pensato che il perdono fosse un elemento necessario che istruisse un diritto civile e penale di una Repubblica. Il perdono come clausola quasi principale per una legge...

Ho sempre pensato che il perdono fosse un elemento necessario che istruisse un diritto civile e penale di una Repubblica. Il perdono come clausola quasi principale per una legge quasi umana, che comprenda, caso per caso, quello che la società stessa produce e che, quindi, la medesima società deve assumersi l’onere di portare su di sé anche se spiacevole.
L’assassino di Emmanuel vuole donare tutti i suoi beni alla vedova. Una sorta di richiesta di scuse, di perdono, di pentimento? Metto il punto interrogativo perché posso solo ipotizzare, visto che – per fortuna – non conosco quel “signore”.
Non oso nemmeno lontanamente dare un consiglio alla vedova: accettare o meno questa proposta?
So cosa farei io se quel “signore” avesse ucciso il mio compagno di vita. Non il ricorso alla giustizia da Far West invocata tanto tempo fa dal Movimento Sociale Italiano di Almirante e qualche volta proprio da quei movimenti fascisti da cui derivano poi certi assassini improvvisati…
Vorrei la più severa delle giustizie, ma nel diritto, nella Repubblica, nel contesto non della vendetta e di nuovo odio, ma di un comprensibile distacco.
Di quel “signore” non vorrei niente, nemmeno una lettera. Vorrei sapere, magari un giorno lontano, che ha riflettuto dopo molti e molti anni su quello che ha compiuto e che, considerandosi magari uguale ad Emmanuel, ossia un semplice essere umano uguale a tutti gli altri, provi fino alla fine dei suoi giorni il contrappeso del rimorso non come condanna ma come fondamento morale di una nuova vita dedicata agli altri e non più all’odio.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Covid all’arancia

    Arancioni fuori, neri dentro. I tratti dei “forconi” da un lato, le presenze neofasciste dall’altro. Movimenti popolari: una ventina, dicono. Uniti, federati dietro lo striscione “Politici ladroni a casa!“....
  • Porte chiuse

    Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno...
  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...