Cannoneggiamenti di ugole

Mi sembra che il miglior antidoto al degrado antisociale, antipolitico, anticulturale e anticivile che questo Paese sta vivendo sia smettere di guardare tutte le trasmissioni televisive dove non c’è...

Mi sembra che il miglior antidoto al degrado antisociale, antipolitico, anticulturale e anticivile che questo Paese sta vivendo sia smettere di guardare tutte le trasmissioni televisive dove non c’è dialettica ma solo scontro premeditato e organizzato. E non solo per gli ascolti pubblicitari.
C’è di mezzo una pianificata disinformazione che ci deturpa le menti e ci abbruttisce, almeno noi che sappiamo essere critici, tenacemente tali contro un sistema economico che volentieri utilizza i peggiori e più bassi istinti delle classi disagiate per gestire le proprie crisi di accumulazione del profitto e di stabilità degli interessi.
Per questo, meglio comperare un quotidiano o leggerlo su Internet e poi formarsi la propria opinione in base a ciò che vediamo ogni giorno intorno a noi. Non a ciò che i “talk show” voglio farci credere e farci dire.
Non facciamoci mortificare da questa barbarie disinformativa.
Pensiamo, rimanendo informati, ma senza voci che danno su altre voci, urla, cannoneggiamenti di ugole che non sono nemmeno d’oro.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...
  • Chiosa

    Tutti d’accordo, dunque. Il mondo è con “l’acqua alla gola” e ha gli anni, forse i decenni contati per arrivare a quel “punto di non ritorno” da cui poi...