reti sociali

  • La finta libertà regalata ai no-vax proprio dal “sistema”

    Se per davvero la libertà è partecipazione, allora dovremmo arrivare alla conclusione per cui, ogni volta che si esercita questo diritto, laicamente sacrosanto, si fa della condivisione di una piazza di questo nostro Paese un luogo dove si esprime compiutamente la quintessenza della libertà stessa. O, quanto meno, ci...
  • Dittatura dei “likes”

    Maurizio Ferraris su “la Repubblica” ci spiega che la “dittatura del proletariato” si starebbe realizzando attraverso il numero di “followers” che cliccano a favore o meno di una foto, di un pensiero, di un video di questo o quel “potente” di turno. Così si concretizzerebbe il potere delle masse...
  • Tra disastri ambientali e voglia di protagonismo

    Preferisco il silenzio. Lo preferisco davanti a quello che consideriamo uno sfregio fatto dagli elementi naturali che autunno ed inverno portano con sé ormai da anni danneggiando i territori dove viviamo, distruggendo abitazioni, lacerando vite, abbattendo non solo più il cemento abusivo o legale che imprigiona i deflussi delle...
  • Legioni di imbecilli, social network e consenso politico

    Ho l’impressione, ma proprio la “vaga” impressione che i cosiddetti “social” e, in generale, i mezzi di comunicazione di massa gestibili da ciascuno di noi singolarmente ma con un riflesso sul collettivo pressoché indeterminabile (vista la planetarietà di Internet), siano la causa di una regressione mentale enorme, quanto meno...
  • I social network nell’epoca post-democratica

    Mark Zuckerberg unisce da sempre ambizione e un’attenzione quasi nevrotica alle reazioni degli utenti del suo giocattolo preferito quando introduce novità negli algoritmi che presiedono l’incremento dei suoi Big Data. Per questo, ha intrapreso campagne per combattere le fake news, il razzismo e la xenofobia: cioè quei fattori che...
  • Non siate ingenui

    “E’ incredibile!”, me lo disse un amico che aveva visto il film “Snowden”. “Vedrai che, dopo averlo visto, perderai certezze e avrai molti dubbi”. Devo dire che non avevo grandi certezze e avevo, questo sì, dei dubbi sulla “democrazia in rete” e della rete stessa. Nella “rete” si scontrano...
  • Il “gentismo”, brodo di coltura del nuovo fascismo

    Da quando, a partire dagli anni Dieci del nuovo secolo, le reti sociali si sono diffuse al punto da divenire un medium di massa vero e proprio, i movimenti di estrema destra hanno tentato di occuparne la scena con la medesima pervasività con cui negli anni addietro, ad esempio,...
  • Le grandi rivolte popolari al tempo di Facebook

    Il punto è anche di principio, ma la rivolta telematica sulle reti sociali che riguarda i sacchetti biodegradabili da pagare, a far data dal primo gennaio scorso, circa 2 centesimi l’uno per acquistare frutta o verdura nei supermercati è essenzialmente un fenomeno di rabbia più che di consapevolezza sociale...
  • La viral moda della sciocchezza

    C’è un video che gira su Facebook e ha ottenuto, ad oggi, più di 330 milioni di “click”, quindi di visite. Sembra sia quello più visto nella storia della rete sociale fondata da Mark Zuckerberg. Sono stato tentato di andarlo a vedere anche io. Ma poi mi sono detto:...
  • Le reti sociali: la nuova frontiera del consenso e del conformismo

    “Tutta la vita delle società nelle quali predominano le condizioni moderne di produzione si presenta come un’immensa accumulazione di spettacoli. Tutto ciò che era direttamente vissuto si è allontanato in una rappresentazione”. (Guy Debord) Nel corso degli ultimi cinque anni, lo sviluppo delle reti sociali, le quali, nate dapprima...