Psicologia politica di massa?

Li hanno cacciati da Calais e ora li ritrovano alle porte di Parigi. Non sono i prussiani o gli austriaci dei tempi della rivoluzione. Sono i migranti che non...

Li hanno cacciati da Calais e ora li ritrovano alle porte di Parigi. Non sono i prussiani o gli austriaci dei tempi della rivoluzione. Sono i migranti che non sanno dove posare il capo, dove camminare, dove mettere radici.
Spostarli non serve a risolvere il problema epocale delle migrazioni spinte dallo sfruttamento che il meraviglioso sviluppo occidentale ha operato nei confronti dei paesi e dei continenti meno “sviluppati”.
Spostare i migranti o sbarrare loro la strada con le barricate di Gorino non evita nulla. Evita solo alle coscienze di affrontare consapevolmente un fenomeno che è inevitabile.
Purtroppo non esiste una psicologia politica di massa che faccia prendere coscienza al popolo francese e a quello italiano di tutto ciò…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...