Omicidi “passionali”

Forse non avrò mai una donna “per me”. Non perché semplicemente mi piacciono gli uomini. Forse perché proprio non ho mai sentito “mio” nemmeno un uomo. Mi sono sempre...

Forse non avrò mai una donna “per me”.
Non perché semplicemente mi piacciono gli uomini. Forse perché proprio non ho mai sentito “mio” nemmeno un uomo.
Mi sono sempre sentito accanto a qualcuno, mai il proprietario di qualcuno. Eppure ho voluto bene a molte persone: indubbiamente quelle che definiamo banalmente “speciali” sono state poche.
Nessuna tirata sull’amore…
Quando ho lasciato una persona, oppure sono stato lasciato, non ho mai avuto quell’istinto molto primordiale che porta ad un attaccamento morboso che annulla ogni limite di rispetto della libertà altrui. Ed anche della propria.
Questione di carattere. Certo, non lo nego.
Eppure penso che dovremmo guardare oltre il carattere stesso e saperci confessare intimamente che non possiamo essere proprietari di nessuno. Al massimo di noi stessi, anche se esisterebbero mille argomenti filosofici per confutare tanto la libertà assoluta quanto la proprietà assoluta di noi stessi.
E’ vero: quando si sente pronunciare la locuzione “Omicidio passionale”… non ci ho pensato fino ad ieri, quando Maurizia me l’ha fatto notare… un omicidio non può contenere la passione, nessuna passione. E la passione non dà vita ad un istinto di annullamento dell’altro rispetto a noi.
Dunque, dobbiamo colloquiare intimamente con noi stessi e osservare il nostro linguaggio, cambiarlo se necessario. Ed è necessario, perché le donne muoiono per mano degli uomini che si ritengono “maschi”, che ritengono di avere il diritto di dominarle, di regolare tutto sull’identità maschile.
E’ sempre il momento di accorgersi di queste storture, di questi obbrobri che spesso ci appaiono normalità del quotidiano.
La violenza contro le donne è frutto di tanti sottili tracce di un maschilismo che non è soltanto fatto di botte e lividi esterni, ma di consuetudini apparentemente innocenti ed innocue: in realtà un brodo di coltura dei peggiori istinti di dominio, sopraffazione e repressione.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...
  • Il sorriso di Alex

    Alex Zanardi ha messo tutto sé stesso negli sport che ha praticato. Sport veloci, dove l’adrenalina si fa sentire, dove la libertà si esprime proprio nell’accelerazione, nel distacco dalla...