Manifesto mite

Caro “manifesto”… sei tu ad essere troppo “mite” nelle valutazioni su questo governo. Colui che oggi definisci “mite” fino a pochi giorni fa governava con la Lega e approvava...

Caro “manifesto”… sei tu ad essere troppo “mite” nelle valutazioni su questo governo.

Colui che oggi definisci “mite” fino a pochi giorni fa governava con la Lega e approvava ogni atto del ministro dell’Interno, difendendolo a spada tratta anche nei momenti più difficili come il “caso-Russia”.

La mitezza di oggi non definisce per sua natura un programma sociale di un governo. Anzi, può essere una buona maschera dietro cui nascondere future misure antipopolari e antisociali che questo esecutivo prima o poi dovrà prendere.

Caro “manifesto”, per il bene che ti abbiamo sempre voluto e ti vogliamo (e continueremo comunque ad avere) ti diciamo che o sei un “quotidiano comunista” o sei un “quotidiano mite” con un esecutivo liberista dai tratti riformisti ma pur sempre nei punti di demarcazione della compatibilità tra privilegi del mercato e bisogni degli sfruttati…

Sono lontani i tempi delle tesi “Per il comunismo”. Forse molto è cambiato. In peggio. Eppure rileggendo quelle tesi del 9 settembre 1971 pare in molte pagine di leggere l’oggi, di stare nel mezzo di una analisi quotidiana e attualissima.

Avevi visto bene, caro “manifesto”, quando criticavi il riformismo e l’istituzionalismo del PCI e dello PSIUP, pur apprezzandone la grande storia e l’impegno nella difesa della democrazia repubblicana, dei valori della Costituzione.

Non vedere male oggi, non lasciarti fuorviare dall’impero del male da un lato e dalla democrazia liberista dall’altro. Mantieni il tuo spirito critico, mantieniti – se puoi – comunista.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Quota 60?

    Sfruttati una vita per garantire le pensioni (ammesso che ancora possa essere così…) alle generazioni successive, poi relegati a ruolo di “non fruitori” del futuro e quindi magari anche...
  • Al livello delle palle

    Crea molta tristezza vedere undici giocatori di calcio fare il saluto militare. Solidarietà ad Erdogan? Per cosa? Per una aggressione ad un popolo che ha tutto il diritto di...
  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...