#IoVotoNO / 1

La più facile delle argomentazioni è: abbiamo troppi parlamentari! Quasi mille! Nelle altre nazioni non è così. Indubbiamente non è così, visto che sono altre nazioni. Ma, battute a...

La più facile delle argomentazioni è: abbiamo troppi parlamentari! Quasi mille! Nelle altre nazioni non è così. Indubbiamente non è così, visto che sono altre nazioni.

Ma, battute a parte, se si osserva il rapporto tra eletti e popolazione, si vedrà che l’Italia non primeggia certo, che la proporzione stabilita nel 1963, quando il numero degli eletti nelle rispettive Camere è divenuto fisso (mentre prima oscillava sulla base della variazione numerica del corpo elettorale), è rimasto di 1 deputato ogni 80.000 abitanti e 1 senatore ogni 200.000.

Di più ancora, quando vennero stabilite queste proporzioni, la popolazione italiana era ben lontana dall’essere 60,36 milioni: nel 1948 eravamo 46 milioni di abitanti; nel 1960 avevamo appena toccato i 50 milioni.

Quindi, se allora era pensabile un Parlamento formato da 630 deputati e 315 senatori, lo è maggiormente oggi con una popolazione cresciuta di 20.000.000 di italiani in 72 anni di vita repubblicana del Paese.

E’ facile votare d’impulso, ritenendo di mandare a casa un po’ di politica corrotta, un po’ di “casta“. Ma se si vuolele utilizzare le istituzioni a proprio vantaggio, a scapito della povera gente, non è certo il numero sempre più piccolo a garantire più democrazia, più stabilità economica, più giustizia sociale, più onestà.

Se fosse vero un criterio simile, allora basterebbe elimiare la democrazia, mettere al comando un uomo o una donna da soli e pensare di aver risolto tutto avendo ridotto all’osso la rappresentanza politica e istituzionale.

Si chiamano “dittature” e non funzionano granché bene: alla lunga portano alle guerre, alle repressioni interne, ad omicidi plurimi di massa e a stermini. Qualunque difetto possa avere una democrazia, è sempre meglio di una dittatura che non permetterebbe nemmeno di poter ragionare sui suoi difetti.

Per questo bisogna votare e far votare NO il 20 e il 21 settembre. Per consentire al Parlamento di essere ancora un potere uguale agli altri (governo, magistratura) e non essere azzoppato e ridotto al cagnolino scodinzolante dell’esecutivo di turno.

(m.s.)

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...