I capolavori del PD

Grande Paese il nostro. Avevamo un governo che dava per scontato che un ramo del Parlamento non dovesse più essere eletto direttamente dai cittadini (o forse sì… a seconda...

Grande Paese il nostro.
Avevamo un governo che dava per scontato che un ramo del Parlamento non dovesse più essere eletto direttamente dai cittadini (o forse sì… a seconda delle dichiarazioni elettorali di Renzi) e ora abbiamo fortunatamente due Camere ancora, ma due leggi elettorali proprio in virtù del fatto che ciò che si dava per scontato non è avvenuto.
Quella del 4 dicembre risuona oggi ancora di più come una grande vittoria popolare perché apre contraddizioni su cui questi grigi burocrati, amministratori degli interessi dei padroni e dell’alta finanza, dovranno essere costretti a passare, come forche caudine moderne.
I capolavori del PD sono tutte sconfitte: per la democrazia, per i ceti più deboli, per chi pensa che lì ci sia ancora qualcosa riconducibile ad un barlume di sinistra.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Italia – Mondo

    Mario Draghi urbi et orbi: «Siamo pronti ad accogliere il mondo in Italia». Ci vuole poco a superare la sinistra in buonismo ed accoglienza. E ora chi glielo spiega...
  • Per la memoria divisiva

    Il 28 aprile 1945 Mussolini veniva fucilato in nome del popolo italiano, per aver instaurato una dittatura feroce e sanguinaria per oltre vent’anni; per aver legalizzato il razzismo nel...
  • La vittima (quale?)

    Uno stupro è prima di tutto una violenza, un vilipendio fisico e morale di una persona. Chiunque essa sia. È una condanna prima per la vittima che per lo...
  • Ma intanto sono muti…

    Dunque pare deciso: le acque radioattive usate per raffreddare la centrale nipponica di Fukushima saranno riversate nell’Oceano Pacifico. Secondo il governo di Tokyo è la migliore soluzione possibile: i...