Geneticamente modificati

Per evitare i dazi di Trump sui prodotti italiani e francesi dovremmo, in sostanza, prenderci in Europa la carne targata OGM. Il geneticamente modificato ha sempre un costo: un...

Per evitare i dazi di Trump sui prodotti italiani e francesi dovremmo, in sostanza, prenderci in Europa la carne targata OGM. Il geneticamente modificato ha sempre un costo: un costo in primis per la salute. Ma vi sono molte modificazioni genetiche e i dazi da pagare sono pesanti.
Se non peggiori, certamente equiparabili a quelli che riguardano anche stili di vita non propriamente salutari in quanto a tenuta della democrazia.
Non sono forse modificazioni della genetica democratica tutte le proposte di legge elettorale approvate e poi bocciate dalla Corte Costituzionale?
Non voleva forse essere un OGM la controriforma costituzionale del governo Renzi?
Insomma, le sofisticazioni non ci piacciono: dalle carni americane chimicamente cambiate in chissà cosa d’altro ai tentativi di capovolgimento dei princìpi democratici della nostra Repubblica.
E se ciò comporta dei dazi da pagare, li pagheremo ma di certo non staremo buoni e silenziosi, così come non lo siamo stati fino ed oltre il 4 dicembre 2016.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...