Gaza contro il piano di annessione, Fatah e Hamas insieme

Territori palestinesi. Previsti interventi in videoconferenza del presidente dell'Anp Abu Mazen e del leader del movimento islamico Ismail Haniyeh. Un passo verso la riconciliazione nazionale al quale però i palestinesi credono poco

All’Iniziativa nazionale di Gaza prevista la prossima settimana parleranno anche il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen (in videoconferenza) e il leader del movimento islamico Hamas Ismail Haniyeh.

Lo ha riferito ieri alla stampa Salah Bardawil, portavoce di Hamas. Bardawil ha aggiunto che sono previsti interventi, sempre in videoconferenza, anche del segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, del segretario della Lega araba Ahmed Aboul Gheit e del leader sudafricano Matamela Cyril Ramaphosa.

Gli osservatori locali sostengono che il discorso di Abu Mazen, se sarà confermato, rappresenterà una nuova tappa del lento avvicinamento tra il partito del presidente, Fatah, e Hamas cominciato negli ultimi mesi dopo la presentazione del piano di Donald Trump per il Medio oriente e del progetto di Benyamin Netanyahu di annessione unilaterale a Israele di una porzione di Cisgiordania palestinese. Avvicinamento apparso chiaro a giugno con l’incontro – attraverso la piattaforma web Zoom – tra uno dei dirigenti più importanti di Fatah, Jibril Rajoub, e uno dei leader di Hamas, Saleh Aruri.

La notizia è stata accolta con cautela dalla popolazione palestinese – che invoca l’unità nazionale – a causa dei passati annunci sulla fine dello scontro tra Hamas e Fatah cominciato nel 2007, mai sfociati in atti concreti.

MICHELE GIORGIO

da il manifesto.it

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Medio OrientePalestina e Israele

altri articoli