carcere

  • «Profughi chiusi nei campi». La nuova stretta di Orbán

    Il provvedimento era nell’aria ma per renderlo ufficiale, e quindi operativo, mancava solo il via libera del parlamento. Puntuali e rispettosi della volontà del premier Viktor Orban, i parlamentari ungheresi hanno dato ieri il via libera a maggioranza (138 voi a favore, 6 contrari e 22 astenuti) alla nuova...
  • Fotografia di una “ordinaria” squallida giornata

    Un nuovo stadio a Roma; due donne chiuse in un box dove vengono stoccati i rifiuti di un supermercato e derise ripetutamente; un giovane di 22 anni che si impicca nella cella dove è rientrato dopo esservi evaso. Quale grado di importanza diamo a questi tre fatti? Ognuno, preso...
  • Stefano Cucchi, fu «omicidio preterintenzionale»

    Sette anni. Ci sono voluti più di sette anni, da quel 22 ottobre 2009 quando Stefano Cucchi morì nel reparto penitenziario dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, per sentire pronunciare dai rappresentanti dello Stato della Procura di Roma le parole «omicidio preterintenzionale». Per l’esattezza è l’ipotesi di reato formulata nell’atto...
  • Peltier, Mumia e gli altri: che cosa aspetta Obama?

    Da 41 anni  Leonard Peltier è in carcere di massima sicurezza, come se non bastasse due settimane fa è morto il figlio minore. Mai un giorno di vita con suo padre, in libertà. Da più parti ci si sta mobilitando nel mondo perchè Obama firmi la grazia, il 20 gennaio...
  • Brasile, massacri da record nelle carceri

    Continuiamo a fornire materiali sulla situazione in Brasile. Domenica 1° gennaio 2017 una ribellione nel Complesso penitenziario Anísio Jobim (Compaj) a Manaus ha lasciato sul terreno 56 detenuti senza vita; venerdì 6 gennaio 2017 altri 33 detenuti sono stati uccisi in disordini nel Penitenziario agricolo di Boa Vista. Si...
  • Davide Rosci: “Voterei No ma sono detenuto ingiustamente”

    Il capolavoro di ingiustizia, che mi condanna ad una pena di nove anni per aver sorriso dinanzi ad un blindato che prendeva fuoco, ha stabilito anche la perdita del mio diritto di voto; ragion per cui il 4 dicembre non potrò esprimere la mia volontà. Attraverso tale provvedimento restrittivo...
  • Nicoletta Dosio processata per direttissima

    Ieri mattina Nicoletta Dosio è stata prelevata dalla Digos per assistere al processo per direttissima in merito alla sua stessa evasione dai domiciliari. «In tribunale – si legge su NoTavInfo – si è svolto un teatrino che verrà ricordato come un segno inequivocabile di stanchezza, non da parte di Nicoletta...
  • Terza laurea fra le sbarre

    In prima elementare sono stato bocciato. La stessa cosa accade in seconda elementare. A nove anni per la mia famiglia ero già abbastanza grande per andare a lavorare. Sono entrato in carcere venticinque anni fa con licenza elementare. Durante le atroci esperienze dell’isolamento diurno e notturno nel carcere duro...
  • Nicoletta Dosio: «Abbiamo la ragione e la forza»

    «Intanto sono felice di essere qui, tra tanti No: no alle ingiustizie, alla mancanza di case, alle maleopere, alla guerra, al razzismo, al braccio armato del potere economico e politico. E’ questa la grande forza che può cambiare le cose», così Nicoletta Dosio di fronte a centinaia di attivisti...
  • “Con scatto felino ed abile mossa…”

    Il dj spagnolo, il bel ventitreenne che se ne andava a zonzo per le vie delle città italiane e picchiava la gente con una gratuità incredibile da concepire, è fuggito. L’hanno rilasciato da San Vittore. Doveva andare a Varazze in una struttura per il disagio psichico. Invece ha comperato...
  • 110 e lode in democrazia carceraria

    Ricordate Claudio Conte? La sua denuncia dell’ipocrisia dei nostri Natali, con il suo presepe di grattacieli intorno all’immagine del piccolo Aylan, morto mentre attraversava il mare… (http://www.remocontro.it/2015/12/20/gatto-randagio-presepe-aylan-bambino-grotta/) Lo cito spesso Claudio Conte. Riflessioni fulminanti mi arrivano con lui, dal carcere di Catanzaro.. E da quelle mura mi arriva il...
  • Galera Turchia, senza freno verso la pena di morte

    Purghe di massa e pena di morte Purghe di massa, arresti: la vendetta di Erdogan contro i presunti autori o sostenitori del fallito colpo di Stato sembra non avere fine, mentre la situazione nel paese è tutt’altro che calma. Ma non basta. «Se il Parlamento lo chiederà, tornerà la...
  • Lo sciopero collettivo dei detenuti‏ contro l’ergastolo ostativo

    Da oggi migliaia di detenuti in tutta Italia saranno in mobilitazione per denunciare l’abuso giuridico dell’ergastolo “ostativo”, quello comminato ai sensi del famigerato 4bis. L’ergastolo ostativo è quella pena che condanna un uomo ad essere “cattivo per sempre” col fine pena segnato sul foglio matricolare 31/12/9.999, mai, cancellando per...
NO referendum

emergenza Covid