L’olocausto non pervenuto dei morti sul lavoro

Gli invisibili, due volte invisibili: perché sono morti e quindi già non appaiono più nel mondo dei vivi e perché, inoltre, da morti nemmeno figurano come tali. Sono oltre...

Gli invisibili, due volte invisibili: perché sono morti e quindi già non appaiono più nel mondo dei vivi e perché, inoltre, da morti nemmeno figurano come tali. Sono oltre cento questi spettri. Sono spettri del mondo del lavoro che sfuggono a statistiche, conteggi e che finiscono per non esistere.
Sono tutti morti di e sul posto di lavoro: chi carbonizzato, chi schiacciato da qualche pressa, chi avvelenato da esalazioni chimiche…
Eppure nelle cronache dei giornali non ve ne è traccia. La colpa è sempre di altri. O forse è una colpa comune, anche nostra… Perché avremmo dovuto accorgercene senza che l’Inail facesse questa scoperta per noi.
A tutto questo s’aggiungono oltre tre milioni di lavoratori in nero… Altri invisibili, senza alcun diritto.
Un mondo del lavoro fatto di non-persone ma di lavori veri. Che uccidono a causa della mancanza di sicurezza, della ricerca spasmodica del profitto cui si possono sacrificare senza troppi problemi le vite di quelli che saranno poi “gli invisibili” dell’anno. Un numero di oleogrammi che ogni anno produce una carneficina.
Un olocausto non pervenuto.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...