L’olocausto non pervenuto dei morti sul lavoro

Gli invisibili, due volte invisibili: perché sono morti e quindi già non appaiono più nel mondo dei vivi e perché, inoltre, da morti nemmeno figurano come tali. Sono oltre...

Gli invisibili, due volte invisibili: perché sono morti e quindi già non appaiono più nel mondo dei vivi e perché, inoltre, da morti nemmeno figurano come tali. Sono oltre cento questi spettri. Sono spettri del mondo del lavoro che sfuggono a statistiche, conteggi e che finiscono per non esistere.
Sono tutti morti di e sul posto di lavoro: chi carbonizzato, chi schiacciato da qualche pressa, chi avvelenato da esalazioni chimiche…
Eppure nelle cronache dei giornali non ve ne è traccia. La colpa è sempre di altri. O forse è una colpa comune, anche nostra… Perché avremmo dovuto accorgercene senza che l’Inail facesse questa scoperta per noi.
A tutto questo s’aggiungono oltre tre milioni di lavoratori in nero… Altri invisibili, senza alcun diritto.
Un mondo del lavoro fatto di non-persone ma di lavori veri. Che uccidono a causa della mancanza di sicurezza, della ricerca spasmodica del profitto cui si possono sacrificare senza troppi problemi le vite di quelli che saranno poi “gli invisibili” dell’anno. Un numero di oleogrammi che ogni anno produce una carneficina.
Un olocausto non pervenuto.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...