L’Europa del sole

Forse verrà meno buio d’estate prima, quando ancora sono le quattro del pomeriggio e il sole già scompare e, avrebbero cantato i Tazenda, “spunta la luna dal monte”. Forse...

Forse verrà meno buio d’estate prima, quando ancora sono le quattro del pomeriggio e il sole già scompare e, avrebbero cantato i Tazenda, “spunta la luna dal monte”.
Forse il mantenimento dell’ora legale per tutto l’anno, se approvato dal Parlamento Europeo, unirà almeno tra le lancette o i quadranti a cristalli liquidi degli orologi gli europei.
Ma continueranno a trattarsi come nemici per il resto delle questioni che invece dovrebbero essere dirimenti per la vita quotidiana e per le future generazioni.
Dietro tutto ciò c’è comunque un interesse anche economico: i paesi del nord Europa spingono perché l’ora legale sia l’unica misurazione oraria per tutta l’Unione. Favorirebbe, per l’appunto, la produttività in quanto aiuterebbe le persone (la forza-lavoro da sfruttare) ad essere maggiormente attive in tal senso.
Niente letargo nordico, niente talpe invernali. Sole tutto l’anno. Un po’ come nell’impero intercontinentale di Carlo V.
Ma sull’Europa il sole tramonta spesso: soprattutto quando qualche barcone arriva in vista delle coste italiane e ad attenderlo è il muro respingente dei governi di Malta, dell’Italia…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...