La vexata quaestio della morale politica

Sotto il titolo “Il Paese dell’Impunità – Mafia corruzione e non solo” Micromega ha pubblicato in questi giorni il suo n.3/2019 che contiene molti e autorevoli interventi raccolti intorno...

Sotto il titolo “Il Paese dell’Impunità – Mafia corruzione e non solo” Micromega ha pubblicato in questi giorni il suo n.3/2019 che contiene molti e autorevoli interventi raccolti intorno alle diverse sfaccettature dell’antica e irrisolta “questione morale” (irrisolta proprio come testimoniano appunto i diversi interventi).

Mai scelta è apparsa forse più tempestiva considerato che, in queste ultime ore, il bollettino dei disastri provocati proprio dalle diverse “questioni morali” che attraversano la vita economica sociale e politica del nostro paese si è ulteriormente allargato.

Stiamo assistendo a un vero e proprio florilegio di tutto il repertorio del genere “questione morale”: dalle presunte infiltrazioni mafiose nell’operazione (per ora infinita e forse interminabile) “ponte di Genova”, ad arresti di varia natura per tangenti et similia all’interno di diverse situazioni che comprendono esponenti di un vasto arco di forze politiche con annessi e connessi anche di tipo imprenditoriale.

Nulla sembra essersi mosso, da questo punto di vista, nel corso di decenni e ancora la magistratura sta compiendo il suo eterno lavoro di supplenza rispetto alla “politica” mentre l’opinione pubblica appare, francamente, distratta se non del tutto anestetizzata.

Un quadro come da copione con la scena coperta dalle consuete manfrine dei soliti noti in un crescendo a mio giudizio del tutto delirante di campagna elettorale.

Una campagna elettorale (è il caso di ricordare che si voterà per il Parlamento Europeo) che ancora una volta si vuol rinchiudere nel recinto dell’OK Corral del “o con me o contro di me” con la velata minaccia che se prevalesse il “contro di me” saremmo all’“après moi le deluge”. Poi “moi” sparisce e la vita continua con il suo insieme di spine e dolori.

Il massiccio ingresso in campo dei paladini dell’antipolitica facilmente creduti da una massa disillusa, stanca, sfibrata non ha sortito effetto alcuno.

L’ascesa del M5S per adesso ha semplicemente ampliato il campo dei corifei del potere dato comunque come immutabile e aperto la strada a potenziali soluzioni molto pericolose.

In realtà da Tangentopoli in avanti, anzi per limitarci al dopoguerra da Portella della Ginestra in poi, si è cercato accuratamente di evitare che la “questione morale” si trasformasse effettiva “questione politica”.

Tutta la litania che è sempre seguita a ogni esplosione di vero e /o presunto scandalo è servita soltanto a confermare l’antico motto del Gattopardo.

Non entriamo ancora una volta nel merito di cosa significa “questione politica e questione morale”: dal 1983, almeno personalmente (cioè dallo scandalo Teardo in avanti) c’è capitato di scriverne in troppe occasioni senza neppure aver bisogno di mutare più tanto approccio e accento: soltanto qualche pennellata di aggiornamento d’attualità di volta in volta.

Qualche interlocutore noterà in questo testo un eccesso di “pessimismo dell’intelligenza”, ma la domanda finale è questa: potrà ancora essere possibile che non una rivista come Micromega oppure qualche intellettuale illuminato, ma un vero soggetto politico si dimostri capace di affrontar e rappresentare il complesso delle contraddizioni agenti nella realtà e suscitare così un moto di “ottimismo della volontà”?

E’ l’eterno rincorrersi di scenari già visti e ripetuti che induce quasi in via naturale al pessimismo della fatalità.

FRANCO ASTENGO

18 maggio 2019

foto tratta da Pixabay

categorie
Franco Astengo





passa a…



altri articoli

  • Le sardine al 25%?

    “Il mare vuoto della politica”, un titolo che racchiude per intero il senso della ricerca eseguita da Demos per “Atlante Politico” di Repubblica e apparso l’8 dicembre sulle pagine...
  • Ci aspetta l'”uomo forte”?

    “Gli italiani non ne possono più della politica. O meglio, non vogliono più vedere i politici: il 90% dei telespettatori, per intendersi, non li vorrebbe ‘tra i piedi’ mentre...
  • Il buonismo populista

    Per un lungo periodo, nella fase di ricostruzione dalla guerra e di scoperta del boom economico con relativa trasformazione in senso consumistico dell’identità sociale, il sistema politico italiano è...
  • MES, nessuno (o quasi) lo dice…

    Il dibattito sulla riforma del Mes, il Fondo salva-stati, continua a infiammare la politica italiana. Le posizioni all’interno della maggioranza sono divise: da un lato Liberi e Uguali e...