75 anni fa, il raccolto della Resistenza

75 anni fa i fascisti fucilavano i fratelli Cervi. La Resistenza si nutriva di un primo grande sacrificio che è diventato emblema del riscatto del popolo italiano contro l’ottenebramento...
I sette fratelli Cervi con le mogli e al centro il padre Alcide e la madre Genoveffa

75 anni fa i fascisti fucilavano i fratelli Cervi.

La Resistenza si nutriva di un primo grande sacrificio che è diventato emblema del riscatto del popolo italiano contro l’ottenebramento delle menti, l’immiserimento delle vite, lo sfruttamento tanto delle coscienze quanto delle forze materiali.

La Resistenza diventava l’antitesi della guerra: una dura necessità per contrastare la dittatura, per mettere fine al fascismo di Benito Mussolini e all’occupazione tedesca.

La libertà mancava come può mancare l’aria in un ambiente angusto, buio, nero.

Ed oggi, a 75 anni di distanza, quando generazioni di italiani avrebbero dovuto apprendere cosa vuol dire rimanere privi della libertà, troviamo al governo forze politiche che agiscono proprio ridimensionando ogni giorno i diritti costituzionali, eredità morale, civile, politica e sociale della Resistenza antifascista, del sacrificio dei figli di Alcide.

Mi verrebbe da dire: “Fermatevi a pensare”. Ma invece occorre non fermarsi e allo stesso tempo continuare, o riprendere, a pensare.

E se non conoscete la storia dei sette fratelli, cominciate da questa pagina di Wikipedia e poi approfondite magari ascoltando la canzone dei “Mercanti di Liquore” (con Marco Paolini) o il ricordo di Maria Cervi.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • E’ banale ma va detto

    Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...
  • Tempi non diversi

    150 migranti dispersi, probabilmente tutti morti nelle acque del Mediterraneo. Italiani scrivono sui social: “Potevano stare a casa loro. Buon appetito ai pesci“. Un po’ come scrivere “Il lavoro...
  • TAVolta

    TAVolta capita di sbagliarsi. TAVolta capita di battersi per una vita per una causa, poi andare al governo e scoprire che quel potere che si voleva si ritorce contro...
  • Resistere ancora

    “Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...