Serena rassegnazione

Un terzo delle persone che mi passano accanto per la strada sono senza mascherina. Bofonchio tra me e me, mentre cammino: «Cosa c’è di così difficile da capire nel...

Un terzo delle persone che mi passano accanto per la strada sono senza mascherina. Bofonchio tra me e me, mentre cammino: «Cosa c’è di così difficile da capire nel fatto che all’aperto adesso bisogna di nuovo portarla?».

Bofonchio, brontolo, trituro i pensieri, ne faccio pezzettini quasi impercettibili per evitare che il fegato mi esploda dopo due anni di pandemia.

Faccio un ultimo tentativo e mi ripropongo la domanda. Ho tre buste in mente, come nei quiz. Mi affido alla sorte, alla libera associazione delle idee. La risposta è: «Ti sei ricordato, caro Marco, che il virus ha tante varianti ma la testa dei menefreghisti, degli egoisti e di tanti no-vax no?».

Avevo scordato questo piccolo particolare. Adesso me ne vo’ per la città con serena rassegnazione. Buon anno a tutte e tutti. Nuovamente.

(m.s.)

4 gennaio 2022

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Invasori e invasati

    Biden minaccia l’intervento militare americano se Pechino dovesse agire contro Taiwan. Dunque contro una parte del suo territorio storicamente inteso, politicamente diviso dal resto del paese. Intervento militare per...
  • La bara di Shireen

    Non rispettano i vivi, perché mai dovrebbero rispettare i morti. E quando i vivi portano i morti sulle loro spalle, li accompagnano con le bandiere palestinesi e cercano di...
  • Il pene sul cappello

    Saranno anche “episodi“, “casi isolati“, “goliardie” cameratesche ma, comunque le si voglia chiamare, restano delle gran schifezze quasi predatorie. Mani morte, tentate slinguazzate, approcci sessuali più o meno spinti....
  • Mea et vestra culpa

    Adesso, via, forza… accusate nuovamente anche il papa di essere “putiniano“, caso mai non l’aveste già fatto. O, piuttosto, di essere un “pacifinto“, uno che vuole la pace “perché...