Numeri f(l)essi

Secondo la relazione annuale della Banca d’Italia, un bambino su dieci si trova in condizioni di totale, assoluta povertà. Il 28,7% dei cittadini italiani sarebbe a rischio povertà assoluta;...

Secondo la relazione annuale della Banca d’Italia, un bambino su dieci si trova in condizioni di totale, assoluta povertà. Il 28,7% dei cittadini italiani sarebbe a rischio povertà assoluta; il 7,6% della popolazione (pari a 4 milioni e mezzo circa di individui) lo è praticamente già.
Questo è il quadro desolante di una Italia che ogni giorno viene magnificata come parte integrante di una Europa dalle grandi sorti capitalistiche, fatta di annunci costanti di riprese e “ripresine” economiche.
Vorrei che qualcuno, un bravo economista soprattutto liberista, mi spiegasse dove sta la “ripresa” in un Paese ridotto a brandelli in tutti i settori del vecchio argine di protezione sociale che un tempo andava dalla scuola alla sanità, dalle pensioni a quella comune, banale attività che si chiama “lavoro”.
Vorrei che qualcuno, magari un bravo economista marxista, mi spiegasse perché si possono flettere i numeri come pare e piace, piegandoli appunto alla propaganda: mi rendo conto che la propaganda, in quanto tale, tende alla mistificazione, alla falsità di regime, all’ipocrisia di Stato.
Ma, nonostante ciò, mi piacerebbe che i fatti tornassero ad avere la testa dura e che, quindi, non si potesse spudoratamente dire che c’è la “ripresina” quando quasi 30 cittadini su 100 sono sul limitare della disperazione (anti)sociale.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...
  • Il sorriso di Alex

    Alex Zanardi ha messo tutto sé stesso negli sport che ha praticato. Sport veloci, dove l’adrenalina si fa sentire, dove la libertà si esprime proprio nell’accelerazione, nel distacco dalla...