Numeri f(l)essi

Secondo la relazione annuale della Banca d’Italia, un bambino su dieci si trova in condizioni di totale, assoluta povertà. Il 28,7% dei cittadini italiani sarebbe a rischio povertà assoluta;...

Secondo la relazione annuale della Banca d’Italia, un bambino su dieci si trova in condizioni di totale, assoluta povertà. Il 28,7% dei cittadini italiani sarebbe a rischio povertà assoluta; il 7,6% della popolazione (pari a 4 milioni e mezzo circa di individui) lo è praticamente già.
Questo è il quadro desolante di una Italia che ogni giorno viene magnificata come parte integrante di una Europa dalle grandi sorti capitalistiche, fatta di annunci costanti di riprese e “ripresine” economiche.
Vorrei che qualcuno, un bravo economista soprattutto liberista, mi spiegasse dove sta la “ripresa” in un Paese ridotto a brandelli in tutti i settori del vecchio argine di protezione sociale che un tempo andava dalla scuola alla sanità, dalle pensioni a quella comune, banale attività che si chiama “lavoro”.
Vorrei che qualcuno, magari un bravo economista marxista, mi spiegasse perché si possono flettere i numeri come pare e piace, piegandoli appunto alla propaganda: mi rendo conto che la propaganda, in quanto tale, tende alla mistificazione, alla falsità di regime, all’ipocrisia di Stato.
Ma, nonostante ciò, mi piacerebbe che i fatti tornassero ad avere la testa dura e che, quindi, non si potesse spudoratamente dire che c’è la “ripresina” quando quasi 30 cittadini su 100 sono sul limitare della disperazione (anti)sociale.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...