Imboccamento e ipersfruttamento

Alternanza scuola – lavoro? Andrebbe chiamata alternanza “imboccamento – ipersfruttamento”: nelle aule si indottrinano gli studenti ad essere flessibili secondo le esigenze del mercato, nel cosiddetto “mondo del lavoro”...

Alternanza scuola – lavoro? Andrebbe chiamata alternanza “imboccamento – ipersfruttamento”: nelle aule si indottrinano gli studenti ad essere flessibili secondo le esigenze del mercato, nel cosiddetto “mondo del lavoro” (mondo dell’ipresfruttamento vero e proprio) si applicano le dottrine del liberismo sfrenato.
Invece di far crescere giovani generazioni attraverso una acquisizione consapevole del sapere e del piacere per la conoscenza, si utilizzano le capacità delle ragazze e dei ragazzi per fare sempre più profitto.
E’ una fase del capitalismo esasperato dalla concorrenza tra i poli economici continentali in una globalizzazione devastante.
La cultura muore, si svilisce e legioni di schiavi dovrebbero essere formate al solo scopo di arricchire i dividendi di pochissimi individui…
Però c’erano molti cartelli nelle piazze d’Italia ieri, retti dai giovani studenti: “Ci avrete ribelli”. Forse qualcosa è ancora possibile fare per evitare questo cortocircuito letale.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • A Samuel Paty

    Se sento il nome di Samuel Paty penso alla scuola, penso a quei ragazzi francesi che studiavano con lui e che imparavano, a poco a poco, a vivere laicamente,...
  • La gentilezza è una carezza

    «Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere...
  • Decreti di redenzione

    Pare che dopo cinque riunioni al Ministero dell’Interno, finalmente le forze della maggioranza di governo abbiano trovato la quadra per superare l’ignominia dei “decreti sicurezza” di impronta giallo-verde. Ce...
  • L’esercito delle mascherine

    Le mascherine da mettere ogni giorno su tutto il territorio nazionale sono una misura che condivido. Ma si può fare tranquillamente a meno della presenza dell’esercito per le vie...