Anna, uccisa ancora una volta

Scritte antisemite, una foto di Anna Frank ritoccata con la maglia della squadra calcistica della Roma. Poi smentite, condanne da parte della dirigenza della Lazio e la promessa di...

Scritte antisemite, una foto di Anna Frank ritoccata con la maglia della squadra calcistica della Roma. Poi smentite, condanne da parte della dirigenza della Lazio e la promessa di recarsi anche ad Auschwitz in massa per prendere visione dell’orrore nazista.
Un orrore che è sempre dietro l’angolo, dietro lo splendente animo umano che ognuno di noi pensa di avere: immune da certe brutture della storia che si considerano archiviate per sempre, irripetibili.
Ciò che visivamente è stato non si potrà sicuramente ripetere nei medesimi modi in cui si espresse tra il 1933 e il 1945, ma ciò che lo ha ispirato – politiche economiche comprese che l’hanno causato prima e sostenuto poi – può sempre riemergere in quelle ataviche paure del “diverso” o dell’ “avversario”, come nel caso di due squadre di calcio, di due tifoserie. Banalmente.
Ma è proprio nel vuoto della banalità che ogni spettro del nazismo e dell’orrore degli stermini di massa, della disumanizzazione dell’umano cresce e si diffonde…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...