Anna, uccisa ancora una volta

Scritte antisemite, una foto di Anna Frank ritoccata con la maglia della squadra calcistica della Roma. Poi smentite, condanne da parte della dirigenza della Lazio e la promessa di...

Scritte antisemite, una foto di Anna Frank ritoccata con la maglia della squadra calcistica della Roma. Poi smentite, condanne da parte della dirigenza della Lazio e la promessa di recarsi anche ad Auschwitz in massa per prendere visione dell’orrore nazista.
Un orrore che è sempre dietro l’angolo, dietro lo splendente animo umano che ognuno di noi pensa di avere: immune da certe brutture della storia che si considerano archiviate per sempre, irripetibili.
Ciò che visivamente è stato non si potrà sicuramente ripetere nei medesimi modi in cui si espresse tra il 1933 e il 1945, ma ciò che lo ha ispirato – politiche economiche comprese che l’hanno causato prima e sostenuto poi – può sempre riemergere in quelle ataviche paure del “diverso” o dell’ “avversario”, come nel caso di due squadre di calcio, di due tifoserie. Banalmente.
Ma è proprio nel vuoto della banalità che ogni spettro del nazismo e dell’orrore degli stermini di massa, della disumanizzazione dell’umano cresce e si diffonde…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Sopra-vivere

    In fondo nessuno vive veramente. Tutti sopravviviamo nella vita stessa, senza accorgercene. Per vivere davvero, dopo aver imparato – più o meno – il non senso della vita, occorrerebbe...
  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...