Non ci resta che ridere

La carellata di simboli presentati al Viminali in queste ore è sempre un gran divertimento. I più improbabili partiti, i nomi meno immaginabili si riversano nei dieci centimetri di...

La carellata di simboli presentati al Viminali in queste ore è sempre un gran divertimento. I più improbabili partiti, i nomi meno immaginabili si riversano nei dieci centimetri di diametro di ciascun contrassegno. Ne escono delle bacheche ricche di vecchi simboli storici e di simboli che, pur non arrivando sulle schede, sono diventati in qualche modo “storici”. E del resto, si sa… la storia in questo nostro Paese è tutta una interpretazione soggettiva: per cui ci sta che si rievochi da trent’anni il Sacro Romano Impero o che si usi Robin Hood per promuovere un ambientalismo che poco ha a che fare con le sortite del celebre fuorilegge di Nottingham.
Non sarà la migliore Italia, non si tratta nemmeno di arrivare al governo… ma, come disse un noto politico un tempo, di risate se ne fanno tante!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...
  • 100 contro 520

    E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro...