La “P” e la “G”

Le firme per il SI’ al referendum costituzionale sono valide. Il governo ha quindi due mesi di tempo per fissare la data dello svolgimento del quesito. Ora facciamo che...

Le firme per il SI’ al referendum costituzionale sono valide. Il governo ha quindi due mesi di tempo per fissare la data dello svolgimento del quesito.
Ora facciamo che sia valido il referendum, andando in massa al voto e votando NO ad una controriforma che sovverte la Repubblica democratica e che assegna al governo un potere squilibrato rispetto al Parlamento.
Per questo scriviamo governo minuscolo e Parlamento maiuscolo. Per noi la centralità resta nelle due aule della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.
Per noi la maiuscola la merita il legislatore delegato dal popolo, non il mero esecutore delle leggi.
La “P” deve rimanere maiuscola. Se dovesse vincere il “SI'”, preparatevi a mettere maiuscola la “G”…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...