La corsetta

Una corsa per le vie di Roma con la maglietta e i pantaloncini della polizia. Una corsa e poi in Consiglio dei ministri. Una corsa e poi un messaggio...

Una corsa per le vie di Roma con la maglietta e i pantaloncini della polizia. Una corsa e poi in Consiglio dei ministri.
Una corsa e poi un messaggio su Facebook: “Chi si ferma è perduto”.
Anche questa frase, come “Tireremo diritto”, mi ricorda qualcuno. Volutamente vengono pronunciate: per comunicare una vicinanza politica, per far commentare gli scemi come su tutto ciò e per far intendere che oggi i vecchi modi di esprimersi, quelli un po’ blasoneggianti e liberali, fatti di ipocrita cortesia, ma pur sempre cortesia era, sono fuori moda.
Meglio il cipiglio diretto, intransigente, senza mezzi termini.
Chi si ferma nel criticare questo governo, davvero è perduto.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...