Idioti a prova di virus

Voi permettete che io consideri totalmente idiota chi contrappone il tema dei morti sul lavoro ai possibili morti per #coronavirus? Avere consapevolezza della pericolosità di un virus non esclude...

Voi permettete che io consideri totalmente idiota chi contrappone il tema dei morti sul lavoro ai possibili morti per #coronavirus?

Avere consapevolezza della pericolosità di un virus non esclude avere contezza del drammatico problema della mancanza di sicurezza nei posti di lavoro e delle conseguenze disastrose che ne derivano per i lavoratori e le lavoratrici.

È uno snobismo insopportabile di una certa sinistra che così pensa di essere più saggia di altri o più comunista? Per me siete solo più idioti di me.

Sinceramente non comprendo proprio come le due cose possano essere viste in contrapposizione sia su un piano etico sia un piano sociale.

Un lavoratore può ammalarsi a causa del Coronavirus e in questo caso l’incidenza della mortalità aumenta. Dunque, siccome dovremmo tutti prestare attenzione ai beni comuni, primo fra tutti la salute, anche se a prima vista “impalpabile“, non tangibile, perché singolare, reputo stucchevole l’assegnare priorità alle cause di morte.

Non penso che deridere chi dà rilevanza all’attuale emergenza sottovaluti altre emergenze. Almeno non è il mio caso.

Ma ho letto tante sciocchezze – come è naturale che sia del resto su i “social“, che, questi sì, hanno una incidenza di morte cerebrale molto alta tra la popolazione – dettate dalla presunzione, dal dover sempre dire la propria come controcanto necessario, senza fermarsi un attimo a tacere su dati scientifici, su consigli medici e su disposizioni governative in merito.

Auguriamoci tanta salute tutti e un ritrovato senso di giustizia sociale per il prossimo futuro.

(m.s.)

Foto di Ilka Lünstäden da Pixabay

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...
  • Chi vuol esser l’inopportuno?

    L’inopportuno è colui che sbaglia i tempi di una battuta, che introduce in una conversazione una parola, una frase che proprio in quel contesto andrebbe del tutto evitata. L’inopportuno...