Guardo gli europei (di calcio) e mi emoziono

Dice…: “Non guardo le partite di calcio degli europei perché chi le guarda è solo un coglione che dimentica i problemi del mondo. E spero che l’Italia perda!”. Dico...

Dice…: “Non guardo le partite di calcio degli europei perché chi le guarda è solo un coglione che dimentica i problemi del mondo. E spero che l’Italia perda!”.
Dico io: “Basta vivere ogni cosa con il dovuto distacco critico, consapevoli delle contraddizioni della società in cui viviamo, e ci si può anche emozionare davanti ad una bella partita di calcio della nostra nazionale.
Io sono un coglione allora. Guardo solo le partite degli europei e dei mondiali. Sono consapevole del condizionamento merceologico subito anche dal gioco del pallone; conosco la compravendita dei giocatori e ogni aspetto in cui questo sistema economico si insinua e condiziona.
Ma voglio comunque vivere alcune emozioni e non me le nego per una forma idiota di purismo ideologico e di comportamentismo falsamente vergine rispetto ad ogni altro contatto di vita tra noi e il capitale.
Forse non comperate i giornali? Non usate Facebook? Credete che Facebook sia qui per farci chiacchierare senza altro scopo? E’ uno strumento che fa profitto, eppure lo usate.
Lasciate da parte le ipocrisie e coltivate un senso critico. Vi farà bene.”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...