Alla ricerca della cultura in fiore

Mi sorprendo sempre di quanta cattiveria abbiate dentro voi. Ne date esempio ogni giorno: molto di più dietro la vigliacca protezione di una tastiera che vi rende protagonisti sui “social”....

Mi sorprendo sempre di quanta cattiveria abbiate dentro voi. Ne date esempio ogni giorno: molto di più dietro la vigliacca protezione di una tastiera che vi rende protagonisti sui “social”.

La nuova frontiera della civilizzazione. Il nuovo orizzonte della comunicazione e dell’interazione sempre meno umana tra gli umani. Volgarità al posto di dialogo, insulti al posto di giudizi.

Forse non siamo nemmeno in presenza di una “società” propriamente detta, ma innanzi ad una sommatoria di individualismi più o meno esasperati. L’atomizzazione della sinistra è atomizzazione della società, scomparsa del desiderio di evolvere in un mondo privo di sfruttamento, di merci, di scambi commerciali, di obbligo di lavorare piuttosto che di bisogno, desiderio e voglia di farlo.

Manca dunque un approccio culturale ad un nuovo concetto di “sociale”, ad una individuazione di un punto di appoggio su cui risollevare nuovamente il mondo. Senza abbandono dell’apparenza, della superficialità (in senso letterale) di ogni evento, notizia e accadimento che ci circonda, non può esservi ridefinizione dei parametri vitali per rimettere al centro la questione capitale-lavoro.

In questo mare magnum della svogliatezza, della rassegnazione e dell’indolenza, sembrate essere diventati, in larga parte anche a sinistra, privi della capacità di ragionare e criticare. Ecco perché nulla di nuovo nasce a sinistra, dove un tempo la cultura era di casa e dove oggi è straniera.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • I seguaci

    La destra israeliana si ricompatta! Plaudono un po’ tutti dalle parti israeliane per questo ritrovato senso sionista, antidemocratico e incivile che pervade lo Stato ebraico: le provocazioni e le...
  • Italia – Mondo

    Mario Draghi urbi et orbi: «Siamo pronti ad accogliere il mondo in Italia». Ci vuole poco a superare la sinistra in buonismo ed accoglienza. E ora chi glielo spiega...
  • Per la memoria divisiva

    Il 28 aprile 1945 Mussolini veniva fucilato in nome del popolo italiano, per aver instaurato una dittatura feroce e sanguinaria per oltre vent’anni; per aver legalizzato il razzismo nel...
  • La vittima (quale?)

    Uno stupro è prima di tutto una violenza, un vilipendio fisico e morale di una persona. Chiunque essa sia. È una condanna prima per la vittima che per lo...