Puzza di Bruciato

“Li vogliamo vedere tutti impiccati, bruciati”. “Troia, ti stupro”. Sono i sentimenti degli italiani autoctoni per i rom… Una famiglia rom. Una. Di rom provenienti dalla martoriata Bosnia. Una...

Li vogliamo vedere tutti impiccati, bruciati”.
Troia, ti stupro”.
Sono i sentimenti degli italiani autoctoni per i rom…

Una famiglia rom. Una. Di rom provenienti dalla martoriata Bosnia. Una famiglia che ha richiesto legalmente il permesso per avere una casa.

Una famiglia. Ma fossero anche cinque, dieci… Che diritto hanno i cosiddetti “italiani” (che si reputano i soli ad essere autoctoni) di impedirne l’accesso ad una casa che è stata loro debitamente assegnata secondo la normale prassi della lunga trafila nelle liste di collocamento delle abitazioni popolari da parte dei comuni?

Forse i fascisti di Casal Bruciato che hanno messo in scena quell’orrore misto di ignoranza, aggressività ed esplicite minacce alla famiglia che ha diritto all’alloggio, non sanno che il 95% dei rom che vivono in Italia, sono qui da oltre cinque secoli e che sono arrivati qui prima ancora che vi arrivassero patate e pomodori.

Che fate, non mangiate più patate e nemmeno la pizza perché magari pensate che non abbiano diritto di stare come coltivazioni in Italia perché provenienti dall’America ben dopo l’arrivo dei rom?

La stupidità dei fascisti è in parte frutto di ignoranza ma, soprattutto, è voluta perché è figlia della prevaricazione, del pregiudizio e dell’odio suprematista.

E’, alla fine della fiera, cattiveria gratuita e c’è di che vergognarsi, come italiani, per quanto avvenuto a Casal Bruciato dove, davvero, c’è puzza di bruciato, di marcio.

Che tutti gli altri abitanti si scostino da questo ciarpame razzista e antiziganista; che mostrino di essere “umani” e di esserlo essendo consapevoli che i pregiudizi si possono battere e sconfiggere: partendo da noi stessi.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...
  • Chi vuol esser l’inopportuno?

    L’inopportuno è colui che sbaglia i tempi di una battuta, che introduce in una conversazione una parola, una frase che proprio in quel contesto andrebbe del tutto evitata. L’inopportuno...