Il PD e la perdente vocazione all’alternanza

Il PD, con alcuni suo esponenti periferici protagonisti ancora una volta della “questione morale”, dimostra – nelle parole del suo segretario – di voler mantenere quella concezione sbagliata della...

Il PD, con alcuni suo esponenti periferici protagonisti ancora una volta della “questione morale”, dimostra – nelle parole del suo segretario – di voler mantenere quella concezione sbagliata della politica che aveva attraversato le segreterie Veltroni e Renzi nell’idea meramente elettoralistica della “vocazione maggioritaria”.

Se si vuol contrastare l’onda “anarco – corporativa” che sta caratterizzando questa fase e superare il cosiddetto “populismo” di destra oggi imperante, la questione non è certo quella di “selezionare la classe dirigente”.

Il limitarsi ad indicare una mera prospettiva di alternanza governista rappresenta il motivo che rende il PD estraneo alla tradizione, alla storia, alla realtà della sinistra: un’estraneità che nasce dall’impossibilità di questo partito di rappresentare i soggetti sociali stritolati dalle contraddizioni dell’esistente, tutte gestite completamente con ferocia dai padroni del ciclo capitalistico.

Dietro l’estrema fragilità, ormai evidente, delle liberaldemocrazie occidentali si sta mostrando, oltre alle spallate dell’estrema destra anche il funzionamento distorto di un capitalismo che, pure nelle sue forme più mediate, non riesce a produrre forme anche parziali di benessere e di integrazione sociale.

Si ripropone con forza il tema della democrazia rappresentativa dei soggetti colpiti dall’allargamento delle disuguaglianze e dallo sfruttamento che si situa ben oltre il classico”Sfruttamento dell’uomo sull’uomo” .

La realtà dello sfruttamento riguarda prima di tutto la questione di genere e il territorio.

Si pone la questione epocale del rapporto tra politica e tecnica, in termini del tutto inusuali rispetto a quanto sperimentato fin qui.

Su questi terreni di contraddizione della modernità il PD italiano intriso di “politicismo della governabilità” dimostra proprio di non entrarci per nulla.

Il confuso assemblearismo (non soltanto digitale) oggi in evidenza sul piano della ricerca politica, ci fa correre il rischio di aprire la strada “all’uomo forte”, magari mascherato da “benevolent dictator” secondo il modello di Singapore oppure della “democrazia illiberale” del gruppo di Visegrad.

Per rovesciare questa complicata situazione “selezionare la classe dirigente” significa semplicemente stare ancora dentro ai perversi meccanismi del sistema: servirebbe qualcosa d’altro, ma a sinistra la ricerca in questo senso sembra davvero troppo timida e ancorata a stilemi ormai trascorsi.

FRANCO ASTENGO

17 aprile 2019

foto tratta da Pixabay

categorie
Franco Astengo





passa a…



altri articoli

  • La vexata quaestio della morale politica

    Sotto il titolo “Il Paese dell’Impunità – Mafia corruzione e non solo” Micromega ha pubblicato in questi giorni il suo n.3/2019 che contiene molti e autorevoli interventi raccolti intorno...
  • La formazione del popolo

    Nell’intervista rilasciata da Jean Luc Mélenchon al “Manifesto” e pubblicata il 14 maggio, emerge un punto di confronto che deve essere affrontato a sinistra, se si intende muoversi mantenendo...
  • Taglio dei parlamentari? Un salto nel buio

    Si sta concludendo in queste ore la prima “tranche” dell’itinerario parlamentare della riforma costituzionale riguardante la riduzione del numero dei parlamentari. Nella proposta avanzata dal M5S e all’esame del...
  • Il sovranismo sottovalutato

    “Io sono Matteo Salvini, intervista allo specchio”, il libro della giornalista Chiara Giannini – che uscirà per la casa editrice Altaforte, vicina a Casa Pound – fa discutere ancor...