100 contro 520

E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro...

E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro nome.

Se dove ci possono stare 100 persone ne metti 520, non ti sorprendere se poi fuggono in massa.

La colpa non è di chi fugge e magari viene arruolato dalla criminalità organizzata, ricattato per lo status di “clandestino“, se non riacchiappato dalle forze di polizia.

La colpa è del governo, del Ministero dell’Interno che non gestisce adeguatamente una emergenza umanitaria e, insieme, anche sanitaria.

Chiudere i porti era e rimane criminale. Stipare centinaia di esseri umani in condizioni di invivibilità è se non uguale, altamente probabile che vi somigli terribilmente ed aiuta i sovranisti a montare la solita indecente propaganda disumana…

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...