100 contro 520

E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro...

E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro nome.

Se dove ci possono stare 100 persone ne metti 520, non ti sorprendere se poi fuggono in massa.

La colpa non è di chi fugge e magari viene arruolato dalla criminalità organizzata, ricattato per lo status di “clandestino“, se non riacchiappato dalle forze di polizia.

La colpa è del governo, del Ministero dell’Interno che non gestisce adeguatamente una emergenza umanitaria e, insieme, anche sanitaria.

Chiudere i porti era e rimane criminale. Stipare centinaia di esseri umani in condizioni di invivibilità è se non uguale, altamente probabile che vi somigli terribilmente ed aiuta i sovranisti a montare la solita indecente propaganda disumana…

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • 100 sorrisi per Gianni Rodari

    Se penso a Gianni Rodari le prime immagini che mi vengono in mente sono disegni di bambini. Disegni sulle “Filastrocche in cielo e in terra“, trenini azzurri, visetti sorridenti...
  • A Samuel Paty

    Se sento il nome di Samuel Paty penso alla scuola, penso a quei ragazzi francesi che studiavano con lui e che imparavano, a poco a poco, a vivere laicamente,...
  • La gentilezza è una carezza

    «Scusatemi se vi saluto da lontano». Una frase bella, un bel pensiero perché sommessamente gentile. Cortese al punto giusto. Rispettoso e generoso. In fondo basta davvero poco per esprimere...
  • Decreti di redenzione

    Pare che dopo cinque riunioni al Ministero dell’Interno, finalmente le forze della maggioranza di governo abbiano trovato la quadra per superare l’ignominia dei “decreti sicurezza” di impronta giallo-verde. Ce...