Sopra-vivere

In fondo nessuno vive veramente. Tutti sopravviviamo nella vita stessa, senza accorgercene. Per vivere davvero, dopo aver imparato – più o meno – il non senso della vita, occorrerebbe...

In fondo nessuno vive veramente. Tutti sopravviviamo nella vita stessa, senza accorgercene. Per vivere davvero, dopo aver imparato – più o meno – il non senso della vita, occorrerebbe una seconda vita per affermare di godersi davvero l’esistenza.

Invece noi passiamo questa stranezza chiamata “vita” a cercare di capirla, a cercarne un senso.

Un senso non c’è nella cosmogonia tanto dei sentimenti quanto in quella scientifica.

Un senso si può dare nel microcosmo terrestre cercando di migliorare l’esistente, rispettando tutto e tutti, abbandonando ogni istinto “proprietario“, di prevaricazione, padronale. Tra noi esseri umani, tra noi e gli altri esseri viventi, tra noi e il resto della natura.

Perdonate questa riflessione brutale. Ma dopo 47 anni di vita o parla il morto o se parla ancora il vivo, ecco cosa ne esce…

(m.s.)

Foto di Prawny da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Strade separate

    Dalla fine degli anni ’70 del secolo scorso, il liberismo nasce, cresce e si espande sulla base dell’assunto per cui sempre meno deve essere lo spazio dato allo Stato...
  • Una vergogna nazionale

    La Resistenza è stata un’enormità, una lotta di popolo, un capovolgimento storico, persino rivoluzionario e non potrà mai essere vilipesa da un accomodamento utilitaristico di qualche centinaia di migliaia...
  • Dall’alto in basso

    Sostiene il Papa che le giovani coppie italiane sono più propense a vivere con cani e gatti piuttosto che a fare figli. Sostiene la diocesi di Albenga della Chiesa...
  • Serena rassegnazione

    Un terzo delle persone che mi passano accanto per la strada sono senza mascherina. Bofonchio tra me e me, mentre cammino: «Cosa c’è di così difficile da capire nel...