Sopra-vivere

In fondo nessuno vive veramente. Tutti sopravviviamo nella vita stessa, senza accorgercene. Per vivere davvero, dopo aver imparato – più o meno – il non senso della vita, occorrerebbe...

In fondo nessuno vive veramente. Tutti sopravviviamo nella vita stessa, senza accorgercene. Per vivere davvero, dopo aver imparato – più o meno – il non senso della vita, occorrerebbe una seconda vita per affermare di godersi davvero l’esistenza.

Invece noi passiamo questa stranezza chiamata “vita” a cercare di capirla, a cercarne un senso.

Un senso non c’è nella cosmogonia tanto dei sentimenti quanto in quella scientifica.

Un senso si può dare nel microcosmo terrestre cercando di migliorare l’esistente, rispettando tutto e tutti, abbandonando ogni istinto “proprietario“, di prevaricazione, padronale. Tra noi esseri umani, tra noi e gli altri esseri viventi, tra noi e il resto della natura.

Perdonate questa riflessione brutale. Ma dopo 47 anni di vita o parla il morto o se parla ancora il vivo, ecco cosa ne esce…

(m.s.)

Foto di Prawny da Pixabay

categorie
Lo stiletto



info Covid19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • La repressione giusta

    Ammiro ancora ora gli operatori dello spettacolo che manifestarono in piazza del Duomo a Milano, distanziati, ordinati, regalando una immagine quasi emblematica nella pandemia che sfianca quasi tutti. Non...
  • Damme li quattrini!

    La pandemia impoverisce gli animi, defrauda le tasche dei più poveri, spersonalizza ed aliena. Crea un senso di pienezza del niente che è un rimbombo assordante. Cresce ogni giorno,...
  • 100 sorrisi per Gianni Rodari

    Se penso a Gianni Rodari le prime immagini che mi vengono in mente sono disegni di bambini. Disegni sulle “Filastrocche in cielo e in terra“, trenini azzurri, visetti sorridenti...
  • A Samuel Paty

    Se sento il nome di Samuel Paty penso alla scuola, penso a quei ragazzi francesi che studiavano con lui e che imparavano, a poco a poco, a vivere laicamente,...