Prima e seconda parte

Sento e leggo argomentazioni che affermano la bontà della riforma o, quanto meno, la non cattiveria della medesima perché non andrebbe ad incidere sulla prima parte della Costituzione, quella...

Sento e leggo argomentazioni che affermano la bontà della riforma o, quanto meno, la non cattiveria della medesima perché non andrebbe ad incidere sulla prima parte della Costituzione, quella concernente i diritti dell’uomo e del cittadino. Lasciatemeli declinare così, definire con un po’ di sano giacobinismo…
Quando la riforma sulla seconda parte riduce gli spazi di agibilità democratica e impedisce l’elezione dei senatori e aumenta ad esempio le firme per la proposta di leggi di iniziativa popolare da 50 a 120 mila, si toccano i principi anche della prima parte della Carta del 1948.
Quindi è falso affermare che non si va ad incidere sulla prima parte. Restano le parole ma cambia la loro applicazione concreta nella realtà.
La Costituzione non è separabile per capitoli indipendenti. È un “unicum” e così andrebbe anche riformata: tenendo conto di ciò che si va a rielaborare nel particolare e nel generale.
Ma un governo che persegue la volontà di fare dell’esecutivo il luogo centrale della “democrazia”, privilegiando persino nel calendario parlamentare le analisi dei propri disegni di legge, è evidente che è soltanto interessato ad un nuovo aspetto della Repubblica: da parlamentare a governativa.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...