Prima e seconda parte

Sento e leggo argomentazioni che affermano la bontà della riforma o, quanto meno, la non cattiveria della medesima perché non andrebbe ad incidere sulla prima parte della Costituzione, quella...

Sento e leggo argomentazioni che affermano la bontà della riforma o, quanto meno, la non cattiveria della medesima perché non andrebbe ad incidere sulla prima parte della Costituzione, quella concernente i diritti dell’uomo e del cittadino. Lasciatemeli declinare così, definire con un po’ di sano giacobinismo…
Quando la riforma sulla seconda parte riduce gli spazi di agibilità democratica e impedisce l’elezione dei senatori e aumenta ad esempio le firme per la proposta di leggi di iniziativa popolare da 50 a 120 mila, si toccano i principi anche della prima parte della Carta del 1948.
Quindi è falso affermare che non si va ad incidere sulla prima parte. Restano le parole ma cambia la loro applicazione concreta nella realtà.
La Costituzione non è separabile per capitoli indipendenti. È un “unicum” e così andrebbe anche riformata: tenendo conto di ciò che si va a rielaborare nel particolare e nel generale.
Ma un governo che persegue la volontà di fare dell’esecutivo il luogo centrale della “democrazia”, privilegiando persino nel calendario parlamentare le analisi dei propri disegni di legge, è evidente che è soltanto interessato ad un nuovo aspetto della Repubblica: da parlamentare a governativa.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...
  • Il sorriso di Alex

    Alex Zanardi ha messo tutto sé stesso negli sport che ha praticato. Sport veloci, dove l’adrenalina si fa sentire, dove la libertà si esprime proprio nell’accelerazione, nel distacco dalla...
  • Ma quale pilastro…

    Le imprese non sono il pilastro del Paese, perché sono private e producono profitti a scapito di milioni e milioni di lavoratori sfruttati. Gli imprenditori non sono produttori della...