Prima e seconda parte

Sento e leggo argomentazioni che affermano la bontà della riforma o, quanto meno, la non cattiveria della medesima perché non andrebbe ad incidere sulla prima parte della Costituzione, quella...

Sento e leggo argomentazioni che affermano la bontà della riforma o, quanto meno, la non cattiveria della medesima perché non andrebbe ad incidere sulla prima parte della Costituzione, quella concernente i diritti dell’uomo e del cittadino. Lasciatemeli declinare così, definire con un po’ di sano giacobinismo…
Quando la riforma sulla seconda parte riduce gli spazi di agibilità democratica e impedisce l’elezione dei senatori e aumenta ad esempio le firme per la proposta di leggi di iniziativa popolare da 50 a 120 mila, si toccano i principi anche della prima parte della Carta del 1948.
Quindi è falso affermare che non si va ad incidere sulla prima parte. Restano le parole ma cambia la loro applicazione concreta nella realtà.
La Costituzione non è separabile per capitoli indipendenti. È un “unicum” e così andrebbe anche riformata: tenendo conto di ciò che si va a rielaborare nel particolare e nel generale.
Ma un governo che persegue la volontà di fare dell’esecutivo il luogo centrale della “democrazia”, privilegiando persino nel calendario parlamentare le analisi dei propri disegni di legge, è evidente che è soltanto interessato ad un nuovo aspetto della Repubblica: da parlamentare a governativa.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...