L’indignazione

Qualcuno ha detto che indignarsi non serve a niente. Qualcuno ha detto che indignarsi non basta. La bontà dell’indignazione deriva dal fatto che ci permette di misurare la nostra...

Qualcuno ha detto che indignarsi non serve a niente.
Qualcuno ha detto che indignarsi non basta.
La bontà dell’indignazione deriva dal fatto che ci permette di misurare la nostra coscienza critica, sociale e civile.
Più alta è l’indignazione nei confronti dell’ingiustizia, meno spazio di manovra avranno coloro che al governo vogliono far avanzare il crudelismo come modello etico moderno per uno sviluppo di un nazionalismo becero che nulla ha a che vedere con l’amore per la Repubblica.
Dunque, non è vero che l’indignazione non serve a niente. Serve a noi stessi e ha un valore sociale, di condivisione delle esperienze e dei dubbi, così come delle certezze del regime in cui rischiamo di vivere.
Poi è vero che non basta indignarsi.
La misura dell’insufficienza dell’indignazione, come metodo di protesta e di ribellione, è inversamente proporzionale all’effetto che ottiene in azioni concrete quando queste riescono a fermare la tracotanza e la protervia del governo.
Insomma, indignarsi non basta, ma è già un buon inizio.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...