L’assassino dei gatti

Qualcuno certamente ne riderà. Altri sorvoleranno sulla notizia. Altri ancora invece diranno che la pena è troppo esigua. Un californiano di 26 anni è stato condannato a 16 anni...

Qualcuno certamente ne riderà. Altri sorvoleranno sulla notizia. Altri ancora invece diranno che la pena è troppo esigua.
Un californiano di 26 anni è stato condannato a 16 anni di reclusione per aver seviziato 21 gatti. Di alcuni di loro, dicono i giornali statunitensi, avrebbe abusato anche sessualmente.
Tralasciamo i giudizi medico-clinici sul caso che, indubbiamente, sarebbe interessante dare dopo aver approfondito la personalità di costui.
La pena è pesante: 16 anni. Personalmente non godo, non gioisco mai se una persona viene condannata. Primo, perché vuol dire che ha alle spalle una storia quanto meno incresciosa se non terribile. Secondo, perché spesso, come in questa vicenda, la condanna è ovviamente giusta per il dolore inflitto, per la crudeltà manifestata verso creature assolutamente innocenti, ma si somma ad una condanna già esistente: la manifesta infelicità recondita di un individuo che si spersonalizza tanto da diventare altro dall’essere umano. Diventa un assassino, un torturatore, un seviziatore, in questo caso, di animali.
Penso che la condanna migliore sarebbe stata farlo vivere per sempre circondato dai gatti. Lasciare ai gatti non la vendetta ma, con la loro presenza, un prometeico rodimento interiore, uno scavo nella psiche che logora e che fa ripensare continuamente al dolore immenso provocato.
Il carcere, in ogni caso lo si veda, serve davvero a poco. Anzi, a niente.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • …ed ora, ciao Franca…

    Appena poco più di una settimana fa, il 31 luglio, aveva festeggiato un secolo di vita. Una vita straordinaria: difficile al principio, piena di cambi di scena, come in...
  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...