Finte democrazie riempono il mondo

Le regole andrebbero sempre condivise, perché sono le regole del “gioco”, di qualunque gioco si tratti. Dalla Costituzione repubblicana alla legge elettorale, dallo statuto di un partito al regolamento...

Le regole andrebbero sempre condivise, perché sono le regole del “gioco”, di qualunque gioco si tratti.
Dalla Costituzione repubblicana alla legge elettorale, dallo statuto di un partito al regolamento condominiale. La condivisione deve essere alla base della democrazia che non può essere diversa da luogo a luogo, da soggetto a soggetto.
Esiste solo una democrazia repubblicana ed è quella che deriva dai princìpi costituzionali. La democrazia di chi decide la qualità del dissenso e se il dissenso o meno abbia cittadinanza in un partito, non è già più democrazia.
Senza dissenso non c’è libertà di espressione e senza libertà di espressione non c’è coscienza e nemmeno sciopero, nemmeno rivolta contro le ingiustizie.
I diritti sociali si fondano su una idea ribelle della democrazia intesa come stimolo costante al confronto quotidiano su ogni tipo di problematica che ci investe personalmente, socialmente.
La democrazia è, dunque, dialettica. Eliminare la dialettica, quindi il dissenso, la polemica, la contrarietà, l’alterità rispetto a chi comanda, dirige o garantisce le regole (il che è peggio ancora in questo contesto detto) è far finta di essere democratici.
E di finte democrazie è pieno il mondo…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...