La lingua buona

Lunedì si aprono a Firenze gli “Stati generali della lingua italiana”. E’ una lingua in crisi, contaminata da molti idiomi e parole, soprattutto inglesi, che sono penetrate nella nostra...

Lunedì si aprono a Firenze gli “Stati generali della lingua italiana”. E’ una lingua in crisi, contaminata da molti idiomi e parole, soprattutto inglesi, che sono penetrate nella nostra lingua e la stanno trasformando.
La purezza delle lingua non è purezza della razza. E’ purezza di cultura, per la comprensione della storia di un Paese che si è formato su una lingua comune quando, per mille anni, eravamo “da secoli calpesti, derisi” e divisi.
La bellezza dell’Italia è l’arte, la cultura, la sua lingua, appunto.
Ma la più grande bellezza sarebbe quella di esprimere, in italiano consapevole, una parola sempre meno usata: solidarietà.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...